Si è spento a 60 anni il frontman della Bandabardò

·1 minuto per la lettura
Morto Enrico “Erriquez” Greppi, fondatore e leader della Bandabardò
Morto Enrico “Erriquez” Greppi, fondatore e leader della Bandabardò

Il mondo della musica piange il fondatore della Bandabardò Erriquez, al secolo Enrico Greppi, morto la mattina di domenica 14 febbraio all’età di 60 anni. Come reso noto dal suo manager Francesco Barbaro, Erriquez si è spento nella sua abitazione di Fiesole, in provincia di Firenze, dopo aver lottato contro un brutto male. In una nota ufficiale i familiari hanno voluto comunicarne la scomparsa con le seguenti parole: “Salutiamo con gratitudine un guerriero generoso e un grande Poeta”.

Morto Erriquez, fondatore della Bandabardò

Nato a Firenze e proveniente da una famiglia di musicisti, Erriquez si trasferisce in tenera età dapprima a Bruxelles e successivamente in Lussemburgo, dove ha modo di formare il suo personale background multiculturale. Tornato in Italia a 19 anni fonda il suo primo gruppo musicale, i Vidia, in cui è sia cantante che chitarrista e con i quali esordisce con il suo primo album sotto la produzione di Gianni Maroccolo, all’epoca bassista dei Litfiba.

Una volta sciolti i Vidia, Erriquez prende parte a un tour di Andrea Chimenti in cui conoscerà Alessandro “Finaz” Finazzo. Sarà proprio con Finazzo che successivamente deciderà di fondare nel 1993 la Bandabardò, descritta nello stesso sito internet della band come: “Il più scatenato, roboante e colorato gruppo folk italiano in attività”. Nel corso degli anni Erriquez si spenderà molto anche in ambito sociale, senza tuttavia dimenticare la passione per la musica che lo porterà a incidere ben dodici album con la Bandabardò, ci cui dieci in studio e due dal vivo. Il suo brano più celebre “Se mi rilasso, collasso” rimarrà per sempre negli annali della musica italiana.