Si annuncia una Pontida da record

webinfo@adnkronos.com

di Francesco Saita Messi da parte i cartelli e gli slogan della Lega di governo, Matteo Salvini torna domenica a Pontida da leader dell'opposizione al neo governo giallorosso. Lo slogan, che il segretario federale avrà alle sue spalle, dovrebbe essere 'La forza di essere liberi'. Concetto che Salvini ribadirà dal palco del pratone della Valle di San Martino, dalle 14, quando è previsto che prenderà la parola, tra le note di 'Nessun dorma', cantata da Andrea Bocelli.  

Nonostante il ritorno all'opposizione, si annuncia una Pontida da record. Gli organizzatori scommettono su 100mila presenze da tutta Italia. Tanto che gli stand sono stati spostati dal pratone a una delle vie di accesso, per lasciare più spazio alla folla. "Sarà la Pontida più partecipata di sempre", promette Salvini. "Sarà una domenica di costruzione, sorriso, futuro, visione, di idee, di societa', sviluppo e tutela dell'ambiente senza pregiudizi ideologici", spiega lo stesso segretario federale invitando i sostenitori a partecipare in massa.  

Noi siamo liberi, a differenza del Conte-Monti e dei vari Gentiloni, Renzi, e Boschi, sono le parole d'ordine che attendono i militanti chiamati a raccolta dopo la tempesta politica di agosto. A parte il discorso di Salvini, la scaletta di domenica resta ancora da definire: sia per gli ospiti, sia per chi interverrà insieme al Capitano. Di sicuro il focus politico sarà nazionale: trombe e fischi, di certo si leveranno alla volta dei nuovi leader di governo, a partire dal premier Giuseppe Conte, ormai 'bersaglio' preferito del Carroccio.  

Il meteo sembra arridere al raduno del Carroccio, previsto a Pontida sole con qualche velatura. Poche novità nel format: appuntamento dalle 10 di mattina, mentre già saranno in funzione i tradizionali gazebo con porchetta, salamella, panini e bevande.  

Per l'edizione numero 29 del raduno più importante dell'anno per la Lega, però, gli stand enogastronomici e quelli con i gadget saranno spostati dal pratone. Tutti collocati in una stradina di accesso alla zona 'sacra', per quest'anno lasciato a disposizione solo dei partecipanti. 

"Pensiamo che sarà l'edizione dove faremo il record di presenze" dice all'AdnKronos il deputato-speaker tradizionale dell'evento, Daniele Belotti. Tra i numeri che rivela Belotti quello degli "oltre 250 pullman che arriveranno da tutta Italia". "Abbiamo idea - spiega - che potremo raddoppiare i partecipanti dello scorso luglio, quando si contarono oltre 50mila presenze". 

Già sabato, intanto, i giovani leghisti si incontreranno a Pontida nell'area feste, al riparo della nuova tensostruttura 'Tèra de Berghem', eretta a 100 metri dal pratone, dove nel pomeriggio si terrà il congresso dei giovani leghisti. Tendone che poi diventerà punto di ristoro per domenica.  

Capitolo gadget: sciarpe, magliette, corna vichinghe da indossare, legate alla tradizione lumbard, e felpe di osservanza salviniana non mancheranno. Di sicuro spunterà fuori qualche goliardata legata all'attualità, per ora tenuta top secret.