Si barrica in casa con armi, il blitz dei carabinieri dopo due giorni di trattative

·1 minuto per la lettura

Si era barricato in casa ieri mattina intorno alle 10.30 dopo l'ennesima lite con i genitori. Il 36enne di Labico, con problemi psichiatrici, che in casa aveva numerose armi bianche, come spade, accette e coltelli, è stato arrestato nel pomeriggio dai carabinieri di Colleferro che sono riusciti a entrare nell'appartamento con un blitz, dopo una lunga trattativa portata avanti con l'aiuto di un militare negoziatore del Nucleo investigativo di Frascati e l'intervento delle Aliquote primo intervento del comando provinciale di Roma. L'uomo si trova ora ricoverato all'ospedale di Tor Vergata, dove è piantonato dai militari. Tutte le armi sono state sequestrate dai carabinieri.

L'ennesima lite con i genitori è scoppiata ieri mattina perché il 36enne da circa 10 mesi non voleva più assumere la terapia farmacologica a cui era sottoposto. Dopo aver rigato l'auto dei genitori l'uomo si è chiuso in casa e i genitori hanno avvisato il 118. Sul posto sono arrivati anche i carabinieri di Colleferro che hanno provato a intavolare un dialogo e tentato anche di entrare in casa ma il 36enne ha iniziato a brandire le armi. Vista la situazione particolarmente rischiosa i militari hanno chiamato sul posto un carabiniere negoziatore, che è riuscito a stabilire un contatto e ha portato avanti la trattativa dalle 13.30 fino a ieri sera. Trattativa che è stata sospesa nella notte ed è ripresa questa mattina. Dopo alcune ore oggi è scattato il blitz e i carabinieri hanno fatto irruzione nell'appartamento. Il 36enne si è scagliato contro i militari e uno di loro è rimasto contuso ma sono comunque riusciti a evitare il peggio e a immobilizzarlo. Affidato alle cure del 118 l'uomo è stato trasportato al pronto soccorso di Tor Vergata.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli