Si erano allontanate venerdì scorso da una comunità, l’annuncio del sindaco Tommaso De Palma

·2 minuto per la lettura
Le due ragazze scomparse
Le due ragazze scomparse

Ritrovate le due sorelle scomparse da Giovinazzo: erano su un treno dopo che venerdì scorso si erano allontanate dalla comunità “Legami e Talenti”. La notizie del loro ritrovamento l’ha data lo stesso primo cittadino di Giovinazzo, Tommaso De Palma. Purtroppo in altre parti del mondo e per casi simili c’è ancora ci cerca. Secondo quando trapelato le due due ragazzine, Melania e Simona, di 12 e 14 anni, sono state ritrovate nascoste sotto i sedili di un treno che percorreva la tratta Giovinazzo-Molfetta. I Carabinieri che erano in allarme da venerdì sospettavano che fossero sul convoglio ed hanno fatto fermare il treno. L’unica soluzione infatti era procedere con un’ispezione meticolosa e scomparto per scomparto, ma per effettuarla bisognava tenere il convoglio in stand by.

Ritrovate le sorelle scomparse: le parole del sindaco

Ecco le parole di De Palma dopo che i militari hanno confermato l’avvenuto ritrovamento delle due ragazzine: “Con grande gioia condivido con voi la notizia del ritrovamento delle due sorelle scomparse da venerdì scorso dalla comunità di Giovinazzo dove risiedevano. Un ringraziamento speciale alle nostre forze dell’ordine della Stazione dei Carabinieri di Giovinazzo che, sotto la guida del comandante Ruggiero Filannino, hanno nuovamente dimostrato grande abnegazione, umanità e professionalità”. In un momento di comprensibile entusiasmo De Palma ha anche allegato al post su Facebook una foto delle due sorelline.

L’allontanamento e l’allarme del legale

Sorelline che da venerdì scorso avevano fatto letteralmente perdere le loro tracce: nella comunità che avevano abbandonato erano ospiti da ormai quasi sette mesi. E l’avvocato della nonna delle sorelle, affidataria delle stesse per circa dieci anni, all’Ansa aveva detto che le sorelline potevano essersi allontanate dalla struttura a bordo di un’auto con una persona conosciuta attraverso i social. A quel punto i carabinieri avevano attivato la procedura per la ricerca delle persone scomparse, presso la prefettura di Bari.