Si indaga per omicidio e disastro colposo sul cornicione crollato nel Varesotto

La procura di Busto Arsizio ha aperto un'inchiesta per omicidio e disastro colposo a carico di ignoti, per il crollo del cornicione dell'edificio di via Marconi, che ieri ad Albizzate (Varese) ha causato la morte di una donna e dei due figli, di 1 e di 5 anni. A coordinare le indagini dei carabinieri della compagnia di Gallarate e del comando provinciale di Varese è il pm di Busto Arsizio, Nadia Calcaterra.

Secondo quanto si apprende, si dovranno accertare le cause del crollo della 'corea', lunga 73 metri, che ieri pomeriggio, alle 17.30 all'improvviso è crollata al suolo. È attesa la relazione dei vigili del fuoco di Varese, intervenuti sul posto dopo la tragedia. In base ai primi accertamenti, l'ipotesi eè di un cedimento strutturale dell'edificio, un ex capannone riconvertito in piccolo 'centro commerciale' con all'interno una pizzeria e altri esercizi.

La procura di Busto Arsizio sarebbe pronta a nominare dei consulenti di parte per individuare le cause del crollo del cornicione, che ha provocato la morte di una madre e i suoi due bambini.

A quanto si apprende lo stabile è stato oggetto di lavori all'inizio negli anni '90. Era un ex cotonificio, che poi ha cambiato destinazione d'uso, da artigianale a commerciale. E oggi ospitava una pizzeria, un supermercato, una lavanderia e una ditta di materiali edili.