Si prepara guerra sulla privacy tra Apple e ByteDance-Tencent

Red
·2 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Roma, 16 mar. (askanews) - Alcuni dei più grossi gruppi tech cinesi, a partire da ByteDance e Tencent, stanno testando una tool informatica per bypassare le le nuove regole di protezione della privacy dei dispositivi Apple, senza il consenso degli utenti, in modo indirizzare loro pubblicità mirata. Lo segnala oggi il Financial Times.

Apple ha annunciato che nelle prossime settimane metterà a disposizione dei suoi clienti un upgrade per i suoi smartphone che disponga la preventiva autorizzazione dell'utente al tracciamento dei dati necessario per la profilazione a scopo pubblicitario. Finora le app sono state in grado di tracciare gli utenti quando cliccano su pubblicità o di sapere quali app questi scaricano.

Questo cambiamento della privacy Apple è stato avversato dai grandi gruppi come Facebook, i quali temono un calo delle entrate pubblicitarie per miliardi di dollari, considerando che molti utenti potrebbero dire no al tracciamento.

Invece l'Associazione della pubblicità cinese ha puntato sulla tecnologia per aggirare il problema, mettendo a punto un sistema per identificare e tracciare gli utenti degli iPhone chiamato CAID. In un documento di cui è venuto in possesso il Financial Times, ByteDance (TikTok) segnala agli sviluppatori che possono usare CAID per superare i nuovi vincoli di Apple. E persone vicine a ByteDance e a Tencent hanno confermato a Ft che i due giganti cinesi stanno testando il sistema, anche se ufficialmente i due gruppi non hanno voluto commentare.

Si tratta probabilmente della più pericolosa sfida mai lanciata alle regole di privacy di Apple. La compagnia americana, dal canto suo, respinge l'ipotesi che possano essere fatte eccezioni alla politica di scelta da parte dei suoi utenti. "I termini e le linee guida dell'App Store si applicano alla stessa maniera a tutti gli sviluppatori del mondo, compresa Apple stessa", ha commentato il gruppo fondato da Steve Jobs. "Noi - ha continuato - crediamo fortemente che agli utenti debba essere chiesto il permesso prima di essere tracciati. Le app che non rispetteranno la scelta degli utenti saranno rigettate".

Secondo una fonte di Ft con informazioni sulla situazione, Apple sarà in grado di rilevare quali app usino la nuova tool e di bloccarle dall'App Store in Cina.