Maggio, si tornerà alla zona gialla e superiori al 100%

Luciana Matarese
·Giornalista
·2 minuto per la lettura
(Photo: TIZIANA FABI via Getty Images)
(Photo: TIZIANA FABI via Getty Images)

C’è la scuola in cima alla road map delle ripartenze che nel governo si comincerà a definire da domani, venerdì 16 aprile. Intanto un gruppo di coordinamento tra Regioni e Istituto Superiore di Sanità sta lavorando per individuare i parametri che determineranno i nuovi profili di rischio delle regioni. Da dicembre, infatti, l’avvio della campagna vaccinale ha segnato un cambiamento nella strategia di lotta al virus e quindi nella definizione dei nuovi scenari territoriali non si può non tenere conto dell’andamento delle vaccinazioni. Tra le ipotesi sul tavolo del gruppo di lavoro c’è anche quella di inserire tra i criteri il tasso di copertura vaccinale di circa il 70% per le fasce a maggiore rischio - over 80 e fragili. Il provvedimento potrebbe essere proposto nel nuovo decreto del Governo a maggio, quello che detterà la linea da seguire per far ripartire il Paese allentando gradualmente le restrizioni anti Covid e quando si tornerà alla zona gialla.

Altra ipotesi è quella di fissare una soglia minima sul numero di tamponi da effettuare in ogni regione, per una corretta valutazione dei parametri che determineranno i nuovi profili di rischio. Inoltre dalle Regioni è arrivata anche la richiesta di utilizzare per la valutazione dell’Rt (l’indice di contagio, ndr) dati più recenti di quelli che la Cabina di regia prende in considerazione attualmente.

Domani alle 11 si riunirà la Cabina di regia politica con le forze della maggioranza e i vertici del Cts - il coordinatore e presidente del Consiglio Superiore di Sanità, Franco Locatelli, e il presidente dell’Istituto Superiore di Sanità, Silvio Brusaferro - presieduta dal premier, Mario Draghi, che al termine terrà una conferenza stampa.

Nell’incontro verranno esaminati i dati aggiornati sull’evoluzione dell’epidemia inviati dalle Regioni e valutati ogni...

Questo articolo è originariamente apparso su L'HuffPost ed è stato aggiornato.