Si riducono del 40% le terapie per i malati cronici a causa del Covid. Meno 85% nuove diagnosi

Livia Paccarié
·5 minuto per la lettura
Sick senior with a hand on a forehead lying on a sofa (Photo: KatarzynaBialasiewicz via Getty Images)
Sick senior with a hand on a forehead lying on a sofa (Photo: KatarzynaBialasiewicz via Getty Images)

Da marzo scorso, la continuità terapeutica di importanti malattie croniche ha subito impedimenti a causa del coronavirus. In particolare, si è ridotto l’impiego di alcune terapie farmacologiche.

Riduzioni marcate, fino a raggiungere anche il 40%, e diminuzioni di prescrizioni per pazienti di nuova diagnosi fino all′85%, sebbene non vi siano evidenze scientifiche che suggeriscano una tale diminuzione dell’incidenza della patologia. E dalla fine del lockdown non si registrano segnali di ripresa.

A lanciare l’allarme è un gruppo di associazioni - la Fondazione Italiana per il Cuore, la Fondazione Giovanni Lorenzini, la Fondazione Italiana Ricerca sulle Malattie dell’Osso (FIRMO), l’Associazione Nazionale Malati Reumatici (ANMAR Onlus) e l’Associazione di Iniziativa Parlamentare e Legislativa per la Salute e la Prevenzione - che richiede uno sforzo maggiore per la prevenzione e la cura delle patologie cardiovascolari, ossee e reumatiche per superare la problematica nel più breve tempo possibile. E di approfittare del momento di riflessione sull’organizzazione della sanità “per immaginare”, spiegano, “soluzioni più semplici di accesso a farmaci fondamentali per alcuni pazienti particolarmente a rischio”.

Stando a quanto riferito dalle associazioni, è diminuito il ricorso a terapie per patologie croniche, per la prevenzione di eventi cardiovascolari, fratture ossee, o per controllare la progressione dell’artrite reumatoide. E i farmaci sono accessibili in alcune Regioni solo nelle farmacie ospedaliere. Ulteriori criticità vengono da piani terapeutici, registri di monitoraggio e schede di dispensazione che hanno innalzato una barriera per i pazienti. Al centro dell’attenzione farmaci di ampio uso indicati per specifiche tipologie di pazienti fragili per prevenire il peggioramento della malattia (osteoporosi, artrite reumatoide, artrite psoriasica, psoriasi) o eventi acuti gravi (infarti, ictus). Si tratta quindi di trattamenti significativi per mantenere lo stato di salute della popolazione fragile, quella più a rischio.

“Con l’emergenza Covid-19 la modalità di distribuzione diretta ospedaliera è diventata fonte di numerose problematiche - di origine e cause diverse - limitando l’accesso alle terapie per i pazienti in Italia”, scrivono le associazioni in una nota congiunta. “L’approccio che ha guidato la risoluzione di queste problematiche è stato di tipo emergenziale: si è data priorità alle situazioni che si ritenevano più urgenti e quindi, in particolare, le cure acute e salvavita che non potevano essere differite. Se già, precedentemente, il sistema di accesso ai farmaci in distribuzione diretta - continuano - presentava una difformità consistente di Regione in Regione, creando forti disparità di trattamento, la crisi Covid-19 ha ulteriormente esacerbato la situazione, creando ampie sacche di limitato (se non addirittura escluso) accesso a farmaci fondamentali per tanti pazienti italiani”.

Diverse soluzioni sono state proposte, ma tuttora ci sono numerose terapie che presentano una continuità ridotta o addirittura interrotta a causa della limitata accessibilità. Il governo, all’interno della Legge n.40 del 5 giugno 2020 (conversione in legge del decreto “Liquidità” dell′8 aprile 2020) - ricordano le associazioni - ha disposto la possibilità, per quanto riguarda i farmaci erogati in regime di distribuzione diretta da parte delle strutture pubbliche, di passare alla “distribuzione per conto” da parte delle farmacie convenzionate. Tale disposizione è stata ulteriormente allargata con la Legge n.77 del 17 luglio 2020 (conversione in legge del decreto “Rilancio” del 19 maggio 2020), fornendo così gli strumenti alle Regioni per snellire le procedure burocratiche per l’accesso a molte terapie. Alcune aziende hanno messo in atto progetti di consegna a domicilio dei farmaci e farmacie comunali, come Federfarma e A.S.SO.FARM, hanno dato la loro disponibilità per la consegna diretta.

“Ciononostante, a livello regionale, o anche a livello del singolo territorio, non sono seguite attività concertate e uniformi e, di conseguenza, non sempre si sono messi in atto meccanismi per semplificare l’accesso ai farmaci in distribuzione diretta ospedaliera, come dimostrano i dati”, denunciano ancora le associazioni. “La conseguenza - afferma Emanuela Folco, presidente della Fondazione Italiana per il Cuore e segretario generale della Fondazione Giovanni Lorenzini - è che ancora una volta la terapia per evitare gli eventi cardiovascolari anche in soggetti ad alto rischio passa in secondo piano. Continuiamo a rimuovere l’evidenza, suffragata scientificamente, che gli eventi cardiovascolari sono la prima causa di morte. E questa causa va affrontata con programmi di prevenzione primaria e secondaria e con l’accesso a tutte le terapie disponibili, a prescindere se siano distribuite in farmacia o in ospedale. Oggi abbiamo di fronte a noi una grande occasione per ripensare il nostro modello di assistenza e finalmente dare l’importanza che merita al cardiovascolare, che nell’ultimo Piano nazionale della Prevenzione 2020-2025 del ministero della Salute resta in secondo piano all’interno dell’immenso ambito delle malattie non trasmissibili”.

Per le associazioni, l’emergenza Covid-19 ha portato alla luce in modo macroscopico problemi già esistenti. A questo proposito la presidente dell’Associazione nazionale malati reumatici (ANMAR), Silvia Tonolo, rileva che “abbiamo PDTA (Percorsi Diagnostico Terapeutici Assistenziali), abbiamo linee guida, e per fare un esempio disposizioni come quelle del governo sulla dispensazione attraverso le farmacie dei farmaci ospedalieri. Ma troppo spesso tutto questo rimane solo sulla carta”.

Maria Luisa Brandi, presidente della Fondazione Italiana Ricerca Malattie dell’Osso e professoressa di Endocrinologia e malattie del metabolismo presso l’Università di Firenze, evidenzia che l’osteoporosi rappresenta il paradigma perfetto della patologia cronica silente: “Senza sintomi per anni, quando avviene una frattura l’impatto clinico è molto significativo anche sulla qualità di vita di una paziente, basti pensare a una frattura del femore. Non solo. Ha anche un impatto economico considerevole, stimabile in circa 6.500 nell’anno successivo alla frattura. Per questo le cure non possono essere interrotte”.

Antonio Tomassini, presidente dell’Associazione di Iniziativa Parlamentare e Legislativa per la Salute e la Prevenzione, conclude sottolineando che ”è fondamentale che le Istituzioni, dall’Aifa alle Regioni, ascoltino le voci delle rappresentanti delle Associazioni e Fondazioni. Da quanto avvenuto nell’emergenza Covid-19 si deve imparare a dare un nuovo peso alla cronicità, soprattutto a quella dei pazienti più a rischio, che più rischiano di essere penalizzati dalle difficoltà di accesso alle cure. Abbiamo di fronte una grande occasione: ripensare e semplificare i modelli di assistenza per essere più vicini alle esigenze dei pazienti, limitando sempre di più la burocrazia”.

Questo articolo è originariamente apparso su L'HuffPost ed è stato aggiornato.