Si spaccia per primario e va in convento a chiedere soldi, suora smaschera truffatore

(Adnkronos) - Si è spacciato per primario e ha cercato di truffare una suora, che però lo ha smascherato. I carabinieri della Stazione di Senigallia hanno così denunciato un 61enne residente in Trentino. A riportare la notizia è il quotidiano della città, 'Vivere Senigallia'.

"Domenica scorsa - si legge - l'uomo si è recato in convento, presentandosi come un primario dell’Ospedale di Senigallia, e ha raccontato di una situazione familiare problematica. Pensando di far leva sulla commozione delle sorelle, il truffatore ha poi avanzato la richiesta di soldi che gli sarebbero serviti per presunte spese personali. La suora però non si è fatta abbindolare e insospettitasi ha chiamato subito il 112, segnalando il fatto. L’uomo a quel punto, capendo di essere stato scoperto, è uscito dal convento con una scusa ma i Carabinieri sono riusciti a rintracciarlo poco dopo in strada e lo hanno condotto in caserma".

"La suora, dopo aver riconosciuto l'uomo che poco prima aveva cercato di truffarla, ha presentato denuncia. Dalle immediate indagini - si legge ancora - è emerso che il 61enne aveva commesso un’altra truffa analoga, nel mese di agosto. Anche in quel caso la vittima era stato un religioso di Senigallia. L’incontro si era svolto presso il seminario vescovile, dove il truffatore, sempre presentandosi come Primario dell'ospedale di Senigallia, aveva lamentato alcuni problemi economici, chiedendo dei soldi, e riuscendo, in quel caso, ad ottenere dal religioso 150 euro. Il religioso, dopo aver capito di essere stato truffato, aveva fatto denuncia. Per questo motivo l’uomo, riconosciuto responsabile di entrambe le truffe, è stato denunciato alla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Ancona".