Si tratta di un fenomeno diffuso che ha origine nei mesi bui successivi all’arrivo della pandemia

Aerei a terra in Europa, che succede?
Aerei a terra in Europa, che succede?

Voli cancellati in tutta Europa e migliaia di passeggeri a terra ed impossibilitati a viaggiare, ma cosa sta succedendo? Si tratta di un fenomeno diffuso che ha origine nei mesi bui successivi all’arrivo della pandemia. Il dato è che nell’ultimo mese e mezzo moltissime compagnie aeree di tutto il mondo hanno cancellato decine e decine di voli. Ma non è finita: le stesse compagnie hanno annunciato in alcuni casi che nei prossimi mesi ci saranno ulteriori cancellazioni.

Voli cancellati in tutta Europa, i disagi

Inutile dire che i disagi e le proteste dei viaggiatori sono arrivati alle stelle, spcie in Europa dove, come spiega bene il Post, “al momento si è concentrata la maggior parte dei voli cancellati, ma situazioni simili si stanno verificando anche negli Stati Uniti”. Si, ma il motivo? Semplice e a volte insanabile: mancanza di personale. Con l’arrivo della pandemia e delle restrizioni  molte compagnie aeree avevano deciso di tagliare parte dei posti.

Covid e licenziamenti massicci

Come? Licenziando soprattutto effettivi del  personale di terra, ma anche piloti e assistenti di volo. Cosa è successo poi? Che il Covid ha “mollato la presa” e i volumi sono tornati ai livelli pre-pandemia, anzi, sono aumentati per l’effetto “repressione” di due anni di chiusure. Tutto questo con il risultato di far trovare le compagnie aeree sguarnite di fronte ad una utenza decuplicata in tre mesi. E i problemi sono destinati ad aumentare con l’arrivo dell’estate, quando “si prevede un notevole aumento del numero di persone che viaggeranno per motivi turistici”.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli