Sia licenziato subito Luca Morisi. E subito!

Fulvio Abbate

Sia subito licenziato, e subito! Che tal Luca Morisi, responsabile ufficiale della comunicazione del ministro degli Interni, incolli, su Twitter, una foto dove appare il suo "padrone", il suo principale, Matteo Salvini, mentre questi maneggia e insieme, con occhio attento, controlla la bontà di un'arma, un mitra, aggiungendo allo scatto un commento evidentemente, espressamente minaccioso, tutto ciò in un paese in possesso delle cinture di sicurezza del diritto, della legalità e della democrazia stessi, va ritenuto del tutto inaccettabile. Per questa semplice sua licenza, il signor Morisi meriterebbe d'essere destituito dall'incarico in tronco.


Lo stesso Quirinale, se non avesse scelto un profilo, diciamo, sobrio, dovrebbe richiamare il ministro affinché chiarisca che, da posizioni apicali per la sicurezza dello Stato, non è ammissibile un lessico improprio, tipico di un film da sgherri. Assodato che, culturalmente ragionando, quel genere di messaggio pubblico corrisponde a un atto di indicibile arroganza. E', lo ribadiamo, frutto di un puro atteggiamento intimidatorio, proprio di una subcultura degna di coloro che, a suo tempo, si presero cura di mettere a tacere le voci di un Matteotti e d'ogni altra possibile opposizione, roba da sgherri.

Un ministro degli Interni, ben al di là d'ogni plateale assenteismo rispetto al quotidiano lavorativo lì al Viminale, oltre ogni lessico assolutamente irrituale, che pure gli è proprio, in un contesto, salvo contrordini, di democrazia parlamentare, ha addirittura l'obbligo-dovere stoico di accettare perfino gli insulti: è il costo naturale dell'assunzione del potere, dei "baffi", nel senso dei gradi, dei galloni. Soprattutto da chi reputi, e non sono pochi, il suo comportamento, la sua condotta, perfino linguistica, degna della peggiore destra xenofoba. Nel caso questi, il ministro in oggetto, legittimamente dovesse trovare gli insulti inaccettabili e lesivi di propri onore e incolumità, in tal caso si rivolga...

Continua a leggere su HuffPost