Siccità e inondazioni: gli effetti del cambiamento climatico sul mondo fino al 2050

·1 minuto per la lettura

Si stima che nei prossimi 30 anni il cambiamento climatico influirà notevolmente sulla vita sulla Terra.

Se le emissioni di gas tossici non verranno del tutto annullate entro il 2050, la quantità di anidride carbonica nell’atmosfera potrebbe raggiungere il livello di 540 parti per milione.

Il riscaldamento globale provocherà malattie, scarsità di acqua e scioglimento dei ghiacciai. 350 milioni di persone soffriranno di carenza d’acqua dovuta a siccità.

Le piogge diventano più abbondanti del 7% all’aumento di ogni grado centigrado nell’intero pianeta.

Entro il 2050, circa il 22% di tutte le più grandi città sperimenterà temperature elevate, correndo il rischio di inondazioni e siccità.

Londra, sulle rive del fiume Tamigi e di altri affluenti, rischia esondazioni e potrebbe venire inondata a causa di alluvioni tropicali.

Un aumento di un metro del livello del mare potrebbe avere un impatto su 670 città costiere nel mondo.

Città come New York affronteranno i maggiori rischi di inondazioni frequenti dovute all’alta marea.

La foresta amazzonica potrebbe trasformarsi in una vasta savana semidesertica…

Da essere una foresta umida, ricca di flora e fauna, diventerebbe una foresta asciutta, con pascoli deteriorati.

I Paesi tropicali soffriranno più di tutti per il cambiamento climatico.

Sono previste inondazioni, alternate a lunghi periodi di siccità.

Si stima che il cambiamento climatico metterà in pericolo 5 miliardi di persone entro il 2050.

RISCALDAMENTO CLIMATICO, VAI ALLO SPECIALE SU COP26

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli