Sicilia, 42 ordigni neutralizzati grazie a palombari Comsubin

Red/Nav

Roma, 26 ago. (askanews) - Dal 6 al 24 agosto 2019 i Palombari del Gruppo Operativo Subacquei (GOS) del Comando Subacquei ed Incursori della Marina Militare (Comsubin), distaccati presso il Nucleo SDAI (Sminamento Difesa Antimezzi Insidiosi) di Augusta, hanno condotto numerose operazioni subacquee nelle acque che circondano l'isola della Sicilia neutralizzando 42 pericolosi ordigni esplosivi.

Gli interventi d'urgenza sono stati disposti dalle Prefetture di Palermo, Siracusa, Trapani e Agrigento dopo la segnalazione, da parte di privati cittadini, circa la presenza in mare di diversi oggetti riconducibili ad ordigno esplosivo.

Le operazioni hanno visto impegnati gli uomini del GOS, per circa tre settimane, a seguito delle attivazioni richieste da parte delle locali Prefetture siciliane su segnalazioni pervenute da parte dei cittadini nei territori:

- Altavilla Milicia (PA), dal 6 al 9 agosto sono stati rimossi e messi in sicurezza 12 proiettili di medio calibro, 1 bomba da mortaio ed una spoletta individuati a 3 metri di profondità ed a 20 metri dalla costa;

- Cassibile (SR), il 15 agosto sono stati messi in sicurezza 7 proiettili di medio calibro;

- nelle acque delle isole di Favigana e Levanzo (TP), dal 16 al 19 agosto sono stati bonificati 2 proiettili navali di grosso calibro e 2 di medio calibro rinvenuti a pochi metri di profondità;

- Marinella di Selinunte (TP), dal 20 al 23 agosto sono stati neutralizzati 6 proiettili di grosso calibro e 11 di medio calibro;

- Lido di Fiori a Sciacca (AG), il 22 agosto è stata rimossa dalla spiaggia una mina anticarro tedesca. (Segue)