Sicilia, Claudio Fava: da Gip Messina parole incredibili

Red/Cro/Bla
·1 minuto per la lettura

Roma, 21 lug. (askanews) - "Proprio nel giorno della mia audizione a Roma presso l'antimafia nazionale, la procura di Messina fa sapere, e il Gip ribadisce, che non ci si sposta di una virgola dalle precedenti conclusioni. Il supplemento di indagine compiuto in questi mesi consisterebbe nella lettura della nostra relazione e delle relative audizioni. Punto. Resto allibito della leggerezza e dalla gravità di ciò che scrive il Gip, accusando la commissione antimafia di "elucubrazioni" e di "illazioni sul coinvolgimento di Antoci nel falso attentato": se avesse letto la nostra relazione, il giudice avrebbe visto che scriviamo esattamente il contrario, indicando Antoci come vittima inconsapevole in ogni caso". Lo dichiara Claudio Fava, presidente della commissione antimafia dell'Assemblea regionale siciliana. "Comincio a credere, anche per la reazione provocatoria e scomposta di alcuni senatori oggi in antimafia nazionale, che abbiamo toccato fili scoperti. E in quella rigida chiesa in cui si è ormai trasformata l'antimafia in Italia, non cantare messa con gli altri ma proporre dubbi e formulare domande è un peccato imperdonabile", conclude.