Sicilia, inaugurati nuovi laboratori Cardiologia Giglio... -2-

Xpa

Palermo, 14 gen. (askanews) - I rinnovati laboratori sono stati dedicati ad Aldo Naro giovane medico il cui sogno, di diventare cardiologo, è stato spezzato il 14 febbraio 2015, a soli 25 anni, nel corso di una serata avvenuta in un locale di Palermo. "Abbiamo voluto dare continuità - ha affermato il presidente Albano - al sogno di un giovane medico che sin da piccolo voleva fare il cardiologo e che è stato strappato alla vita e ai suoi cari". Una targa dedicata al giovane Naro è stata scoperta all'ingresso del reparto di cardiologia. "Aldo e la sua memoria - ha detto Rosario Nario padre di Aldo - vengono onorati con questa prestigiosa intitolazione. Ad Aldo viene restituita dalla società civile la dignità calpestata da una incomprensibile violenza che ha dovuto subire il 14 febbraio di 5 anni fa". L'unità operativa di cardiologia, centro HUB nella rete per il trattamento dell'infarto in Sicilia, è diretta da Tommaso Cipolla, mentre, la responsabilità del laboratorio di emodinamica è affidata a Mariano Becchina e del laboratorio di elettrofisiologia a Gabriele Giannola.

"Possiamo oggi ampliare - ha sottolineato Tommaso Cipolla  - l'offerta terapeutica con interventi di complessità superiore riaspetto agli attuali".

Il laboratorio di emodinamica è stato dotato di un agiografo digitale, di ultima generazione, che consente l'esecuzione di procedure cliniche innovative e di migliorare quelle tradizionali offrendo anche una migliore risoluzione delle immagini, anche in 3D, in grado di rilevare più dettagli clinici.

"E' un angiografo che ci mette nelle condizioni - ha rilevato l'emodinamista Becchina - di eseguire l'interventistica periferica a tutto tondo (total body), l'interventistica strutturale cardiologica (chiusura Dia, Pfo, auricola, valvuloplastica e aortica) nonché, nel campo dell'oncologia, di sfruttarlo in moltissime procedure  come l'ablazione, la crioablazione e il posizionamento di drenaggi. Un grosso vantaggio è dettato anche dalle minori radiazioni a carico del paziente e dell'operatore". (segue)