Sicilia, migliaia di alunni positivi: la situazione nell'isola

·1 minuto per la lettura
covid sicilia positivi
covid sicilia positivi

In Sicilia sono 12mila gli alunni attualmente positivi al Covid-19. Nonostante ciò, la Regione avrebbe intenzione di riaprire gli istituti scolastici il prossimo 14 gennaio, o al massimo il 17. Un periodo extra di riposo dato ad alunni e docenti, che potrebbe essere dunque prorogato per qualche altro giorno. Erano stati i dirigenti e scolastici a chiedere di posticipare il ritorno sui banchi di scuola.

Covid, in Sicilia positivi 12mila alunni: dovrà decidere la task force

Dovrà essere la task force regionale sulla scuola a decidere sul da farsi in Sicilia. Sarà a tal fine disposto un maxi-tavolo durante cui l’assessore all’istruzione Roberto Lagalla avrà un confronto con circa 80 persone tra rappresentanti sindacali, dirigenti scolastici e responsabili dei servizi per l’infanzia, sia pubblici che privati. Insomma, i più importanti rappresentanti del mondo scuola locale.

Covid, in Sicilia positivi 12mila alunni: l’importanza di posticipare la scuola

In un primo momento si era deciso di far tornare in classe i ragazzi in data 13 gennaio. Tuttavia, avere un giorno in più di vacanza consente di tenere un monitoraggio più chiaro dei nuovi contagi. Lo scorso 9 gennaio risultavano essere 12.400 gli alunni contagiati dal Covid-19, ovvero il 2% della popolazione scolastica siciliana, corrispondente a circa 600mila alunni.

Covid, in Sicilia positivi 12mila alunni: le dichiarazioni di Lagalla

Roberto Lagalla ha assicurato, tramite alcune dichiarazioni riportate da Repubblica: “Non andremo oltre dopodomani per il rientro a scuola o al massimo, considerando il fine settimana di mezzo, a lunedì. Del resto la decapitazione dell’ordinanza della Regione Campania che aveva messo tutti in Dad poi sospesa dal Tar è evocativa: si deve tornare a scuola”.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli