Sicilia, Musumeci: tra isola e Usa rapporto di profonda amicizia

Xpa

Palermo, 29 gen. (askanews) - Bilancio positivo della visita ufficiale negli Stati Uniti del presidente della Regione Siciliana, Nello Musumeci. Agenda fitta di appuntamenti quella che ha visto il governatore dell'Isola per tre giorni impegnato in incontri con imprenditori e comunità siculo-americane a Brooklyn, a Long Island e nel New Jersey, dove è stato accolto dal governatore dello Stato Phil Murphy. Calorosa manifestazione è stata riservata a Musumeci dagli aderenti alla Federazione Siciliani del Nord America, con alcune delegazioni provenienti anche dal Massachusetts, dal Connecticut e dal Texas. Musumeci ha pure partecipato alle celebrazioni della Giornata della memoria, nella sede del consolato italiano di New York, ospite del console generale Francesco Genuardi, in ricordo degli ebrei italiani deportati nei campi di sterminio. Un momento di raccoglimento anche a Ground zero, per ricordare le migliaia di vittime degli attentati dell'undici settembre del 2001 alle Torri gemelle.

Nella sua missione statunitense,  il presidente Musumeci era accompagnato dall'assessore alle Attività produttive Mimmo Turano e dal direttore dell'Irfis Giulio Guagliano.

"La percezione all'estero della nostra Isola - ha evidenziato il governatore siciliano - è notevolmente migliorata, senza più pregiudizi e luoghi comuni, a beneficio del nostro patrimonio culturale, delle bellezze paesaggistiche e del nostro stile di vita. Su questo aspetto il mio governo lavora con impegno costante per valorizzare al meglio il legame antico con la comunità siculo-americana. Tra Sicilia e Stati Uniti esiste un antico e profondo rapporto di amicizia che nasce dalla presenza Oltreoceano di un'altissima percentuale di italo-americani di origine siciliana, che oggi sono i migliori ambasciatori delle bellezze della nostra terra e dei suoi prodotti".