Sicilia, Musumeci in visita nella zona jonico-etnea

Red/Cro/Bla

Roma, 28 ago. (askanews) - Una giornata dedicata all'area jonico-etnea quella del presidente della Regione Siciliana Nello Musumeci. La mattinata è iniziata, insieme all'assessore alle Infrastrutture Marco Falcone, con una visita al porto di Riposto, per il quale, proprio di recente, il governo regionale ha stanziato seicentomila euro, che vanno ad aggiungersi al milione di euro già messo in campo, nel 2018, per il risanamento del Primo bacino. Qui è stato fatto un punto con i sindaci dell'area (Riposto, Giarre, Mascali, Fiumefreddo, Sant'Alfio e Linguaglossa) e l'impresa appaltatrice, in occasione dell'avvio del cantiere che dovrebbe terminare entro la prossima estate. "Finalmente - sottolinea il presidente Musumeci - partono i lavori di un'opera, attesa da decenni, che servirà a rendere più sicuri i pontili e a consolidare i moli per rendere il porto di Riposto ancora più appetibile a quel segmento del turismo da diporto al quale, finora, la Sicilia purtroppo ha guardato con molta incertezza. Aprendo i cantieri sosteniamo l'economia, infrastrutturiamo la nostra Isola e la rendiamo competitiva con le Regioni del Nord".

Musumeci e Falcone si sono poi trasferiti a Castiglione di Sicilia sulla strada provinciale 81 - importante via di collegamento nella Valle dell'Alcantara - che aspetta di essere completata da oltre venti anni e che attualmente è dissestata. Presenti, tra gli altri, l'ingegnere Giuseppe Galizia della Città metropolitana e il dirigente della soprintendenza etnea Franco La Fico, con i quali è stato fatto il punto della situazione.

(segue)