Sicilia, nasce osservatorio economico e sociale Irfis-Svimez -2-

red/Rus

Roma, 10 set. (askanews) - "L'obiettivo - ha spiegato il presidente dell'Irfis, Giacomo Gargano - è quello di mettere a punto una lente di ingrandimento sulle esigenze dell'economia siciliana per calibrare le politiche di sviluppo del Governo regionale e creare nuovi strumenti finanziari da parte di Irfis. Sono decenni - ha proseguito - che in Sicilia si fa credito senza avere una visione complessiva dell'economia dell'Isola, e questo modo di procedere, nonostante l'enorme quantità di denaro messa in campo dai precedenti governi regionali, non è riuscita a fare crescere il nostro sistema imprenditoriale. Adesso è tempo di smettere di procedere per tentativi e di usare tutti quegli strumenti di analisi e di previsione che ci possono aiutare a capire quali sono i settori dove bisogna concentrare le risorse disponibili, per creare, finalmente, un ambiente competitivo e attraente per le imprese".

I rapporti, che saranno pubblicati dall'Osservatorio con cadenza trimestrale a partire dal prossimo mese di dicembre, diventeranno uno strumento fondamentale per progettare le politiche necessarie allo sviluppo dell'imprenditoria e per misurarne l'efficacia, in modo da adeguare l'azione della Giunta regionale e dell'Irfis alle esigenze delle aziende.

"Insieme agli altri soggetti coinvolti - ha sottolineato il direttore di Svimez Luca Bianchi - vogliamo costruire strumenti di analisi e di riflessione sul territorio. Questo sarà, dunque, un periodo di accompagnamento finalizzato a identificare se le politiche messe in atto anche con le risorse esistenti, sia dei fondi nazionali che regionali, sono coerenti con l'obiettivo che noi tutti abbiamo e che è quello di aumentare l'occupazione e ridurre la piaga ormai devastante dell'emigrazione. I dati che metteremo nel prossimo report, e che parlano di oltre 30mila persone che lasciano la Sicilia, rappresentano un pezzo di futuro che se ne va e su cui dobbiamo intervenire".(Segue)