Sicilia, rinvenuto a Marausa relitto di un'antica nave

Gca
·1 minuto per la lettura

Palermo, 15 lug. (askanews) - Giornate importantissime per l'archeologia subacquea in Sicilia. La Soprintendenza del Mare ha individuato, infatti, una nave oneraria, ovvero addetta ai trasporti commerciali, nello specchio d'acqua antistante Marausa, in provincia di Trapani. Il ritrovamento, realizzato con la collaborazione della Capitaneria di Porto di Trapani e il sostegno del Comandante Parisi, avvenuto grazie alla segnalazione di un relitto con anfore da parte di Francesco Brascia, dipendente del ministero della difesa del 3/ stormo Trapani Birgi. Il gruppo di intervento della Sopmare stato coordinato dal responsabile del gruppo subacqueo della Soprintendenza del mare Stefano Vinciguerra e alcuni esperti collaboratori che sono stati assistiti dal Battello GCB36 con il Comandante Giuseppe Giacalone. L'immersione si svolta a circa 60 metri dalla costa, dove risultata subito visibile una porzione di circa dieci metri di un relitto sostenuto da un costone di sabbia, posizionato parallelamente alla costa. Proprio tra la sabbia sono stati individuati innumerevoli frammenti di anfore. La Sopmare ha gi prelevato tre reperti per le necessarie indagini diagnostiche: di questi uno presenta sull'orlo un'iscrizione, l'altro sotto il collo porta incise due lettere A e F e il terzo una porzione di anfora contrassegnata da un'incisione che ricorda una torre. Il gruppo operativo ha effettuato la geolocalizzazione con il sistema GPS e realizzato la necessaria documentazione video-fotografica. stata gi segnalata alla Capitaneria di Porto la necessit di interdire l'area che verr delimitata dalla Sopmare a seguito di ulteriori indagini, al fine di mettere un vincolo.