Sicilia, un minuto di silenzio per le vittime di mafia -2-

Red/Nav

Roma, 20 mar. (askanews) - La Giornata della memoria, spostata ad Ottobre di questo anno 2020, ci permetterà di chiamare tutti alla responsabilità, perché la memoria delle vittime, fatta insieme, può diventare un impegno di tutti: "Sono le storie delle persone, vittime innocenti, che tracciano e ridisegnano la linea del tempo e l'impegno nel presente per rigenerare i nostri territori".

Il sindaco Orlando sottolinea come "in questo momento della storia della nostra città e del nostro paese, ogni iniziativa volta a rafforzare il senso di comunità è benvenuta. Lo è ancora di più se volta a costruire legami basati sulla viva memoria dei tanti che hanno perso la vita per colpa delle mafie. Sono particolarmente grato a chi ha voluto promuovere questo momento di riflessione e preghiera perché al di la dell'aspetto di Fede che per ciascuno può rivestire, esso è certamente un importante segnale di coesione della nostra comunità."

Partecipano alla comune preghiera: Centro Studi Ebraici; Comunità Islamiche di tutte le appartenenze etniche; Comunità Buddiste; Comunità Induiste Tamil e Mauriziane; Chiesa Cattolica Patriarcato ortodosso di Mosca, Patriarcato ortodosso di Romania, Patriarcato Ortodosso di Costantinopoli; Eparchia di Piana degli Albanesi; Chiesa Anglicana; Chiesa Valdese Metodista Chiesa Avventista del 7 ° giorno; Chiesa evangelica della Riconciliazione; Comunità Pilgrim Pentecostali International Chiesa evangelica del Ghana.