Sicurezza: Malpezzi, 'norma rave liberticida, anche nel governo contrari'

default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Roma, 2 nov. (Adnkronos) – "Questo è un governo politico con una classe dirigente di destra. Speriamo che lavorino bene, ma gli inizi sono stati abbastanza drammatici. Il Cdm che ha prodotto il primo decreto ha voluto mandare dei segnali esclusivamente identitari, senza nessuna soluzione per i problemi veri del Paese, a partire dalle bollette". Così Simona Malpezzi, presidente dei senatori del Pd, a Rainews24.

"Sono stati lanciati messaggi pericolosi: dal via libera ai no vax alla norma anti rave, che è -sia chiaro- è una norma anti raduno liberticida che consente le intercettazioni anche per i semplici partecipanti. Una norma contestata dai magistrati, giudici, costituzionalisti che hanno detto che esistono già tutti gli strumenti giuridici e non ne servono nuovi, soprattutto, di questa natura. Il governo invece ha deciso di mettere in atto misure securitarie che producono gravi effetti distorsivi".

"E non è un caso che nello stesso esecutivo questa misura non piaccia: il viceministro della giustizia, Francesco Paolo Sisto, ha dichiarato che la norma si potrà cambiare in Parlamento perché non deve assolutamente riguardare chi esprime dissenso. La misura è contestata anche a destra. Il loro primo atto di governo è un macroscopico errore. Per noi la soluzione per rimediare a questo disastro è chiarissima: l'articolo 434 bis va ritirato".