Sicurezza: 'Pacco alla camorra' da comitato 'don Diana', l'apprezzamento di Mattarella

·1 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Roma, 23 dic. (Adnkronos) – Il 'Pacco alla camorra', ossia un viaggio di sapori nuovi e ritrovati grazie al lavoro di associazioni e cooperative sociali che lavorano la terra attraverso l'inclusione di persone svantaggiate, passando attraverso il riutilizzo dei beni confiscati, il recupero di antiche colture e il risanamento dei beni comuni altrimenti lasciati al degrado. Un'iniziativa condivisa con il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, che ha fatto pervenire al Comitato don Peppe Diana, a Libera e al Consorzio Nuova cooperazione organizzata il ringraziamento per l’invio del 'Pacco' e il suo apprezzamento.

Un modello di economia civile e welfare sociale che segue il sogno delle Terre di don Peppe Diana, senza confini ma libere, etiche e solidali, nato dalla mission del Consorzio Nco (Nuova cooperazione organizzata, un acronimo che gioca su quello della famigerata Nuova camorra organizzata) e promosso dal Comitato don Peppe Diana, Libera – nomi e numeri contro le mafie, Cittadinanzattiva, in partenariato con l'Aics (Associazione italiana cultura e sport) e, anche quest'anno, con il Fondo assistenza per il personale della Polizia di Stato che si occupa dei più fragili, a testimonianza della solida collaborazione con la Polizia di Stato.

Nel 'Pacco alla camorra' è possibile anche trovare il fumetto del Commissario Mascherpa ideato e sceneggiato da Luca Scornaienchi, responsabile del Museo del Fumetto di Cosenza, insieme alla redazione di Poliziamoderna.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli