Sicurezza, a Roma riuniti esperti forze polizia operanti all'estero -2-

Red/Gtu

Roma, 7 ott. (askanews) - All'incontro hanno preso parte anche una delegazione dei laison officers esteri accreditati in Italia, degli Esperti per la prevenzione dell'immigrazione irregolare e degli Esperti economici finanziari, oltre ai rappresentanti delle maggiori Agenzie di cooperazione internazionale, Interpol e Frontex.

Nel corso dei lavori è stato presentato il nuovo portale Marco Polo, che diventerà un fondamentale strumento di lavoro, dove condividere tutto il patrimonio informativo disponibile in materia di cooperazione internazionale ed è stato illustrato il nuovo sistema di valutazione dell'attività dell'Esperto, chiamato al monitoraggio dei fenomeni criminali, alla collaborazione nell'azione operativa delle forze di polizia italiane all'estero, all'attività di comunicazione fino all'assistenza nelle rogatorie internazionali. L'obiettivo è "migliorare costantemente la performance della nostra rappresentanza all'estero, perché possa valorizzare in ambito internazionale l'eccellenza del law enforcement italiano e, al tempo stesso, conoscere tutti quegli elementi informativi sui fenomeni criminali all'estero che permettano di anticipare la strategia di contrasto".

Durante l'introduzione dei lavori il prefetto Vittorio Rizzi, vice direttore generale della pubblica sicurezza, Direttore centrale della polizia criminale, ha sottolineato: "Nell'attuale scenario internazionale, nell'ottica di fornire risposte sempre più mirate e tempestive a minacce criminali senza confini, c'è bisogno dicondivisione del patrimonio informativo, già fortemente supportata dall'interoperabilità delle Banche dati, di una forte coesione della rete degli esperti e di contenuti innovativi verso standard sempre più elevati, volti a sviluppare progettualità mirate unitamente alle principali agenzie di Cooperazione Internazionale. Le parole chiave del nostro impegno sonocondivisione, cooperazione, innovazione ma soprattutto cultura, che significa investimento sulle risorse umane costituite dagli Esperti, in termini di selezione e costante aggiornamento, in modo che sia garantito il più alto livello di qualità per i nostri ambasciatori della sicurezza all'estero".(Segue)