Silent Bob & Sick Budd raccontano il nuovo album, "Piove ancora"

·1 minuto per la lettura
Silent Bob Sick Budd
Silent Bob Sick Budd

Silent Bob & Sick Budd tornano con un singolo di successo e presentano un nuovo album pronto a travolgere i fan: “Piove ancora”. 15 canzoni compongono il loro nuovo disco.

Silent Bob & Sick Budd presentano il nuovo album, “Piove ancora”

Fenomeni da milioni di ascolti che dopo il successo virale del disco d’esordio, tornano con un nuovo album. Il disco è arricchito da collaborazioni con alcuni degli artisti più significativi della scena urban: da Emis Killa nel brano “Potevamo”, a Speranza in “9×19” e non manca il feat con Drast (Psicologi) in “Baci di Giuda”, tutte collaborazioni dettate da reciproca stima artistica e personale.

A distanza di quasi due anni dallo straordinario successo virale dell’album d’esordio “Piano B”, che ha superato oltre 50 milioni di stream su Spotify, torna grande protagonista la musica di Silent Bob & Sick Budd.

Silent Bob Sick Budd
Silent Bob Sick Budd

Grazie a un sound ammaliatore che resta nelle orecchie sin dai primi ascolti, “Piove ancora” è un disco di autentica verità che unisce in un tutt’uno davvero inedito e sorprendente l’inconfondibile flow di Silent Bob e il tappeto sonoro a tratti old school e black di Sick Budd, una coppia ormai di fatto che negli anni è diventata affiatata, creando un legame indissolubile.

Silent Bob & Sick Budd raccontano il nuovo album, “Piove ancora”: il commento dell’artista

A parlare con entusiasmo del suo nuovo album è Silent Bob, il quale ha spiegato: All’inizio non sapevo da dove partire per scrivere questo disco. Continuavo a scrivere pezzi e registrare provini ma niente andava come doveva e come volevo. Era iniziato da poco il primo lockdown e mi trovavo con una casa affollata e senza privacy e tante insoddisfazioni. Una strana sensazione di fallimento mi perseguita da sempre, ma pensavo si sarebbe affievolita dopo il successo del mio primo disco. Dopo settimane senza ascoltare musica o guardarmi allo specchio, all’improvviso una notte mi sono sentito come trainato da una forza esterna che mi ha finalmente spinto a scrivere tutto quello che volevo, come volevo, senza più pensare a chi c’era fuori e a cosa volesse da me. È così che quella notte nacque “Piove ancora”, il brano che ha dato poi il via all’intero nuovo album. Da lì in poi sono riuscito ad approcciarmi a ogni mood e a ogni nuovo brano come volevo davvero”.

Silent Bob Sick Budd
Silent Bob Sick Budd

Quindi ha ricordato: “Era passato già molto dall’uscita del primo disco e tutto quel periodo di fermo, di tristezza e di solitudine mi ha aveva inevitabilmente fatto crescere. Ero diverso dagli anni prima, lo sentivo. Non mi serviva più l’aiuto o la compagnia di altre persone, avevo tutto dentro quello che volevo esprimere. Ho scavato per mesi dentro di me senza trovare nulla, ma quando stavo per mollare e crollare definitivamente, ecco una luce”.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli