Silenzio e rispetto per Ruggieri ma anche lo spettro di Tombolini che si aggira fra gli scaffali

Luis Fernando Ruggieri
Luis Fernando Ruggieri

Si torna a vivere ad Assago, dove ha riaperto il supermercato dell’attacco in cui un uomo è stato ucciso e cinque persone ferite: sul posto fiori e biglietti per il dipendente morto. Nei locali aleggiano silenzio e rispetto per Luis Fernando Ruggieri ma anche lo spettro di Andrea Tombolini, il 46enne che lo ha ucciso, che si aggira ancora fra gli scaffali.

Assago, ha riaperto il supermercato

Il supermercato Carrefour del centro commerciale di Milano Fiori ad Assago ha riaperto sabato mattina alle 9. In quei corridoi fra gli scaffali dove giovedì 27 sera è stato ucciso a coltellate il cassiere Luis Fernando Ruggieri e come spiega Ansa “a ricordare quello che è successo sono i mazzi di fiori e i biglietti di condoglianze per la famiglia di Luis che accolgono i clienti all’ingresso del supermercato”.

Il biglietto delle commesse del negozio

Sul posto è stato lasciato anche un biglietto che le commesse di un vicino negozio hanno voluto lasciare, sopra c’è scritto: “Le nostre più sincere condoglianze a tutta la tua famiglia”. C’è chi lo legge, chi scuote la testa e chi istintivamente abbassa la voce “prima di spingere il carrello tra i corridoi del supermercato”. Ansa spiega che “tra i dipendenti nessuno vuole rilasciare dichiarazioni, sono ancora molto scossi da quello che è successo”. Ha detto una signora che faceva la spesa con il marito: “Mi viene la pelle d’oca se penso quello che è successo qui, tira una brutta aria”.