Sileri: "Non credo ci sarà seconda ondata, ma focolai sparsi"

webinfo@adnkronos.com

"Non credo che ci sarà una seconda ondata, ma diversi focolai, sparsi e diffusi sul territorio, come sta avvenendo a Mondragone e Palmi. Situazioni che possono essere controllate a patto però che siano sempre rispettate le misure essenziali per la riduzione del contagio da coronavirus". Lo scrive in una nota viceministro della Salute e senatore M5S Pierpaolo Sileri, che invita a tenere, in ogni caso, alto i livello di attenzione.  

"Ciò che abbiamo imparato con il Covid - scrive il viceministro - è stare sulla consapevolezza, non sulla paura. Avere un approccio consapevole significa rispettare le misure per la riduzione del contagio, avere cura della salute degli altri usando mascherine e distanza, oltre che il lavaggio delle mani. Potremmo anche chiamarla autogestione, purché non si abbassi la guardia".  

Il virus, dice Sileri, "circola meno, grazie a quello che abbiamo fatto con il lockdown e che stiamo ancora facendo. Abbiamo un rettilineo ora davanti a noi: possiamo recuperare, tornare a correre, sempre con la massima attenzione e alla capacità di far fronte alla prima curva. Curva che, se dovesse tornare in autunno, affronteremo con le dovute misure e cautele. Ma non lasciamo che a vincere sia la paura, restiamo lucidi e consapevoli".