Silvia Romano, 23 jihadisti nel mirino delle autorità somale

webinfo@adnkronos.com

Ventitré tra pirati e jihadisti appartenenti all’organizzazione Al-Shaabab, a quanto apprende l’Adnkronos, sono stati raggiunti da misure preventive personali e patrimoniali in Somalia in relazione al rapimento di Silvia Romano, la cooperante italiana sequestrata il 20 novembre scorso nel villaggio di Chakama in Kenya e attualmente, secondo quanto ricostruito anche dalla Procura di Roma e dai carabinieri del Ros, tenuta prigioniera dal gruppo terrorista affiliato ad Al Qaeda.  

I 23 - pirati, capi locali di Al Qaeda e mediatori - sono sospettati di aver organizzato e gestito il sequestro della cooperante italiana. Ad autorizzare le richieste di arresto e di sequestro di beni è stato il presidente della Alta Corte del South West State, da cui dipende una sezione specializzata anti pirateria che dallo scorso mese di luglio indaga sul caso e della quale fa parte, come esperto "onorario", anche un italiano, Mario Scaramella, da quasi dieci anni in Somalia dove insegna diritto pubblico. Sarebbe stato proprio Scaramella a proporre le misure di prevenzione sui sospetti (uno dei quali sarebbe già detenuto a Baidoa). 

Contattato dall’Adnkronos Scaramella, che, prima di essere nominato docente alla South West State University e membro onorario della Alta Corte ha lavorato come assistente del procuratore federale della Somalia nella repressione della pirateria, si è limitato a dire: "Bisogna astenersi da commenti e dal fornire dettagli su una vicenda in corso, indagano le procure dei Paesi coinvolti che spero assicureranno alla giustizia i criminali responsabili e gli sciacalli, mediatori senza scrupoli, che hanno speculato e speculano sulla vita di una ragazzina indifesa".