Sima: in Italia 6mila persone l'anno continuano a morire di amianto

Cro-Mpd

Roma, 23 set. (askanews) - "In Italia sono 96.000 i siti contaminati da amianto censiti e presenti nel database del Ministero dell'Ambiente. Per affrontare il problema in modo strutturale è necessaria un'azione coordinata che integri tra loro tutti gli enti statali e le amministrazioni territoriali a vario titolo coinvolte, al fine di integrare le azioni sugli aspetti sanitari, previdenziali e ambientali". E' la denuncia di Alessandro Miani, Presidente della Società Italiana di Medicina Ambientale (SIMA) al Convegno Nazionale "Amianto: gestione del sistema e tutela della salute" che si è svolto oggi al CNR di Roma. "L'esposizione ad amianto, infatti, causa tumore polmonare (mesotelioma pleurico), laringeo e ovarico, oltre a condizioni di fibrosi polmonare. In Italia ogni anno circa 6.000 decessi sono da ricondursi a questa fibra killer; mentre nel mondo, secondo l'Organizzazione mondiale della sanità sono 125 milioni le persone esposte a rischio amianto e l'impatto dei soli costi diretti (ritiro dal lavoro, cure e morte) nei 28 Paesi dell'Unione Europea (UK inclusa) è pari allo 0.7 per cento del PIL dell'Unione europea (410miliardi/anno)", spiega Miani.

Un problema quello dell'amianto che tocca da vicino, oltre che l'aspetto sanitario anche quello geologico. La conoscenza geologica può essere, infatti, fondamentale per consentire l'identificazione e la mappatura dei siti caratterizzati dalla presenza di rocce amiantifere che costituiscono un pericolo per la diffusione delle fibre in modo da contribuire alla bonifica e alla messa in sicurezza di tali aree.

(Segue)