SIMEST: in due giorni oltre 8.000 le richieste per il Fondo 394

·2 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Roma, 8 giu. (askanews) - Sono state oltre 8.000 le richieste presentante sul Portale operativo dei Finanziamenti agevolati per l'internazionalizzazione di SIMEST, per il Fondo 394, gestito in convenzione con il Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale per i finanziamenti che hanno l'obiettivo di aiutare le aziende italiane a internazionalizzare. Lo comunica la società del gruppo Cdp.

Nel dettaglio, le richieste completate sono state 8.125: il 45% delle domande ha riguardato il finanziamento Fiere e Mostre (per un controvalore complessivo di circa 204 milioni di euro) che di recente è stato ampliato anche a eventi internazionali che si tengono in Italia. Secondo per numero di domande - 20% - il finanziamento Patrimonializzazione (quasi 775 milioni in controvalore), l'unico che non prevede la quota di co-finanziamento a fondo perduto. Terzi con circa il 15% ciascuno il finanziamento Inserimento Mercati (oltre 930 milioni di euro), che è destinato alla promozione e sviluppo in mercati esteri, e quello E-Commerce (quasi 170 milioni di euro), che supporta le imprese nello sviluppo di piattaforme di commercio elettronico. Seguono con richieste inferiori al 5% Studi di Fattibilità, Temporary Export Manager e Assistenza Tecnica (complessivamente circa 60 milioni di euro).

Il Fondo è ripartito il 3 giugno con una dote di circa 2,1 miliardi di euro - di cui circa 1,6 per i finanziamenti a tasso agevolato e oltre 500 milioni a fondo perduto - riconducibili in gran parte a 1,6 miliardi stanziati complessivamente dal recente decreto "Sostegni Bis". A seguito del massiccio afflusso di istanze, che ha esaurito la pur consistente disponibilità di risorse, l'operatività è stata sospesa il 4 giugno.

Lo stesso decreto "Sostegni-bis" ha stabilito la possibilità di richiedere una quota di co-finanziamento a fondo perduto fino al limite del 25% del prestito, per un ammontare massimo di 800.000 euro per impresa beneficiaria, comprensivo delle quote a fondo perduto eventualmente già deliberate (salvo per il finanziamento Patrimonializzazione, per cui non è prevista la componente a fondo perduto).

Il Comitato Agevolazioni potrà rideterminare la soglia di concessione dei cofinanziamenti a fondo perduto e le relative condizioni, tenuto conto delle risorse disponibili e dell'ammontare complessivo delle domande di finanziamento presentate dalle imprese, si legge nella nota di SIMEST.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli