Simona Ventura: ''Sì a coprifuoco in Lombardia se serve a scongiurare lockdown''

webinfo@adnkronos.com
·2 minuto per la lettura

"Ben venga il coprifuoco se serve a scongiurare un altro lockdown che porterebbe questo spese ad implodere. Bisogna salvare l'economia di questo paese e parlo delle piccole e medie imprese, degli artigiani e soprattutto dobbiamo evitare che altra gente perda il posto di lavoro": E' quanto sottolinea all'Adnkronos Simona Ventura sullo stop di tutte le attività e degli spostamenti nell’intera Lombardia dalle ore 23 alle 5 del mattino. Il coprifuoco partirà giovedì 22 ottobre e ha ricevuto l’ok del Governo. "Io avrei fatto diversamente anche perché uno la movida può farla partire anche alle 7 del pomeriggio, basti pensare all''happy hour, il famoso apericena milanese. Io avrei lasciato gli orari di adesso facendo entrare la gente a scaglioni ma loro ne sapranno certamente più di me''. La conduttrice sull'aumento dei contagi in Lombardia ricorda: "Tutti a mettere il focus sulla Lombardia e sull'aumento di contagi ma bisogna tener conto che la Lombardia ha 10 milioni di abitanti'', dice.

Per la Ventura l'unica soluzione è quella di ''creare dei tamponi rapidi in modo che uno appena va in un locale possa fare il tampone lì per lì e questo salverebbe tutto. Tamponi a raffica insomma per individuare anche gli asintomatici''. Ma per la conduttrice, oltre che al problema della movida, bisogna iniziare a ''ragionare sui mezzi pubblici. Sarebbe opportuno fare una joint venture tra privati e pubblici per cercare di avere tanti mezzi pubblici in modo che le gente mantiene il distanziamento e riesce ad andare a lavorare'', conclude la ventura. Infine la conduttrice tiene a elogiare la ministra Azzolina: ''Ha fatto un buon lavoro -dice- Non bisogna più lavorare per ideologie. Le scuole hanno retto l'impatto, non si possono mettere i bambini piccoli tutto il giorno davanti al computer! Le suole devono restare aperte, la presenza è fondamentale''.

(Di Alisa Toaff)