Sindacati, chiesti cambiamenti per sistema pensioni e SNN; Da discutere pure la legge di Bilancio

·1 minuto per la lettura
Sindacati
Sindacati

Il governo ha subito nuovamente la pressione dei sindacati sul tema pensioni. Questi ultimi hanno chiesto modifiche sulla legge Fornero. Inoltre, hanno domandato cambiamenti per quanto riguarda il Servizio sanitario nazionale e maggiori discussioni sulla legge di Bilancio.

Sindacati, il tema pensioni

Cgil, Cisl e Uil e le sigle dei pensionati Spi, Fnp e Uilp hanno rilasciato un comunicato. In esso affermano: “ribadiamo l’esigenza di una riforma complessiva della legge Fornero, che affronti i bisogni di giovani, donne, lavoratori e pensionati“.

Inoltre, sempre nella stessa nota hannp dato spazio alla situazione dei pensionati. Nel caso di quest’ultimi, si sono definiti necessari degli interventi che “tutelino in modo più efficace il potere d’acquisto, a partire dall’ampliamento della platea dei beneficiari della quattordicesima con l’incremento dell’importo per chi già la riceve, e dall’adozione di un meccanismo più equo di rivalutazione”.

Sindacati, il Sistema Sanitario Nazionale

I sindacati si sono detti soddisfatti del fatto che il Governo abbia deciso di investire denaro sul Fondo Sanitario Nazionale. Tuttavia, sono dell’idea che sia essenziale un drastico cambiamento per il Servizio sanitario nazionale. Secondo loro, si dovrebbe puntare ad una maggiore territorialità e sull’assistenza presso l’abitazione del paziente.

Un passo importante sarebbe pure la Legge quadro nazionale sulla Non Autosufficienza. La prossima legge di Bilancio vedrà l’introduzione di tale norma.

I portavoce dei sindacati hanno poi aggiunto: “Serve, inoltre, un intervento deciso per combattere l’evasione e per ridurre la pressione fiscale su lavoratori e pensionati, che sono il vero ammortizzatore sociale del Paese e un’importante risorsa per la società“.

Sindacati e la legge di Bilancio

I sindacati si sono espressi pure per quanto riguarda la legge di Bilancio. A tal proposito hanno spiegato: “ad oggi non abbiamo ricevuto nessuna convocazione dal Governo. Prima dell’approvazione è necessario invece instaurare un confronto serio e non intermittente con le parti sociali“.

Per di più, hanno ricordato che il prossimo 17 novembre vi saranno gli attivi unitari. Lì si darà molto spazio a questioni relative alla sanità, al fisco, alle pensioni e alle tasse.

Leggi anche: Manifestazione dei sindacati a Roma, Landini (Cgil): ”Fascismi da togliere nel Parlamento”

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli