Sindacati: a Piacenza capotreno inseguito da passeggero con ascia

Red
·1 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Milano, 23 apr. (askanews) - Poco prima delle 21.10 di ieri alla stazione di Piacenza, il capotreno di un convoglio di Trenord è stato inseguito "da un passeggero armato di accetta che ha tentato di raggiungerlo". Lo hanno riferito in un comunicato congiunto Filt Cgil, Fit Cisl, Uiltrasporti Uil, SLM Fast Confsal, UGL Ferrovieri, Faisa Cisal, spiegando "che solo l'aiuto del collega macchinista e l'intervento degli agenti della Polfer che sono riusciti a fermare il malintenzionato, hanno impedito il peggio".

Ricordando che è passato solo un mese dall'ultima aggressione con calci e pugni ad una capotreno avvenuta a Villapizzone (Milano) e finita in ospedale, i sindacati "stigmatizzano tali atti criminali e ingiustificabili e chiedono il proseguimento del confronto già avviato a suo tempo con le aziende (con la mediazione del Prefetto) per affrontare e risolvere le criticità legate alla sicurezza del personale, problema la cui soluzione non può più essere procrastinata".

"Nell'esprimere solidarietà e vicinanza ai lavoratori vittime di questo drammatico episodio, le organizzazioni sindacali ribadiscono quanto sia assolutamente prioritario che istituzioni ed aziende, anch'esse parti coinvolte, attivino tutte le risorse possibili affinché si riapra subito il tavolo di confronto dedicato al tema della sicurezza".