Sindaco di Lampedusa : “Finalmente chiamato dal Ministro dell’Interno”

sindaco lampedusa

Duro sfogo del sindaco di Lampedusa contro l’ex Ministro dell’Interno Matteo Salvini nelle interviste concesse al Corriere della Sera e a Repubblica. Dopo lo sbarco dei migranti della Ocean Vikings, Salvatore Martello, il primo cittadino dell’isola dice: “L’ultima telefonata dal Viminale l’ho ricevuta che era ancora ministro Marco Minniti. Finalmente alzare la voce è servito a qualcosa. La Lamorgese mi ha fatto chiamare per darmi una spiegazione”.

Martello nei giorni scorsi si era reso protagonista di un altro sfogo che ha fatto molto parlare: “I lampedusani sono accoglienti ma non idioti”. La frase ha evidentemente ottenuto l’effetto desiderato. Solamente qualche ora dopo, infatti, il prefetto Michele Di Bari, capo del dipartimento Libertà civili e immigrazione, ha contattato il sindaco, dicendo di parlare a nome della neo ministra Lamorgese.

Sindaco di Lampedusa, lo sfogo

“Il prefetto mi ha assicurato che, così come prevede la legge, questi migranti rimarranno qui solo 48 ore. Poi verranno trasferiti sulla terraferma”, ha detto Martello. Gli 82 migranti a bordo della nave di Medici Senza Frontiere ed Sos Mediterranee erano sbarcati a Lampedusa perchè ritenuto unico porto sicuro. Tutti gli altri hotspot della Sicilia, infatti, erano pieni.

Salvatore Martello non si risparmia e lancia una frecciata contro l’ex Ministro dell’Interno, Matteo Salvini: “Era tanto preso dal raccontare a tutti degli sbarchi fermati delle Ong che si è dimenticato di raccontare delle migliaia di persone che continuano ad approdare qui liberamente. Adesso mi è stato promesso che la settimana prossima verrà una delegazione del ministero per prendere cognizione diretta di quello che accade qui”.