Sindaco di Mariupol stima 20.000 civili uccisi e denuncia torture

featured 1599290
featured 1599290

Kiev, 21 apr. (askanews) – Secondo le stime delle autorità municipali di Mariupol più di 20.000 persone sono morte nelle strade della città sul Mar Nero assediata dalle truppe russe. A dirlo è Vadym Boichenko, sindaco di Mariupol. Boichenko ha denunciato l’uso di torture e ha affermato che secondo le stime, che ha definito difficili, fra i 300 e i 1000 residenti civili sono rifugiati nei sotterranei dell’acciaeria di Azovstal, ultima ridotta della resistenza in città.

(fonte immagini:Ukraine Media Centre)

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli