Sindaco di Milano Sala: sono totalmente contrario a Quota 100

Alp

Milano, 7 nov. (askanews) - "Sono assolutamente contrario a 'Quota 100'. l'Italia è un Paese che invecchia e che si deve prendere cura di una fascia della popolazione sempre più numerosa: come si fa a promettere ai cittadini di prendersi cura di loro per un periodo lungo, dicendogli però che possono smettere di lavorare prima?". E' quanto ha affermato il sindaco di Milano, Giuseppe Sala, rispondendo ai cronisti a margine della presentazione del rapporto "Osservatorio Milano 2019" a Palazzo Marino.

"Io non critico la manovra perché non è facile ma succederà che tra quello che sarebbe giusto fare e quello che si farà, ci sarà una differenza: continuiamo a scontrarci col fatto che i governi durano un anno e si portano dietro i retaggi del governo precedente, come gli 80 euro di Renzi, il reddito di cittadinanza e Quota 100" ha proseguito il sindaco, aggiungendo "se oggi noi dovessimo prendere l'ammontare di valore relativo a queste misure, lo rimetteremmo nello stesso modo? Io penso di no".

In merito al reddito di cittadinanza, Sala ha spiegato "riconosco i buoni propositi ma ad oggi di risultati non ne abbiamo visti. Chiedono tempo? Possiamo darglielo ma se continuano a dire che non si può toccare 'quota cento' perché è un'idea della Lega che era alleata con il M5S, che non si possono toccare gli 80 euro perché è un idea di Renzi e nemmeno il reddito perché è un'idea di Di Maio, cosa possiamo aspettarci se non che le nostre risorse non verranno concentrare sulle leve per la crescita del Paese". "La solidarietà va nutrita e supportata dalla crescita - ha concluso il sindaco - senza è solo solidarietà a parole"