Sindaco Roma, Gualtieri: "Raggi ha fallito, città disastro"

·3 minuto per la lettura

"Noi lo diciamo chiaramente: l’amministrazione Raggi ha fallito completamente e tradito le promesse fatte ai cittadini". Lo afferma il candidato a sindaco di Roma del Pd Roberto Gualtieri durante il suo intervento all’assemblea pubblica degli iscritti del Partito Democratico, presso la Città dell’Altra Economia a Testaccio.

"Per me è davvero una gioia grandissima ed un’emozione profonda essere qui, incontrarci fisicamente dopo 15 mesi così duri e difficili. Da qui lanciamo la sfida più importante per tutti noi democratici, una sfida per la salvezza e il rilancio. Fare il sindaco è un onore e una responsabilità che sento, provo riconoscenza e gratitudine per l’unità e l’entusiasmo con cui avete deciso di sostenere mia candidatura e cercherò di farlo con umiltà, orgoglio e con una dedizione assoluta", sottolinea Gualtieri.

"La città - aggiunge l'ex ministro dell'Economia- è in uno stato disastroso, la condizione dei servizi assistenziali sono sotto gli occhi di tutti. E lei che fa? La ‘romanella’ elettorale con le sue presenze e passerelle. Un fallimento totale amministrativo e anche di visione e di progettazione. E' mancata una strategia di sviluppo, la capacità di mettersi in relazione con il lavoro straordinario della Regione Lazio. Raggi non ha mai progettato il futuro".

"Ci sarà una grande alleanza politica fatta di partiti e corpi intermedi. Rispetteremo tutti i candidati e faremo una campagna mite, di attenzione e di ascolto. Ma saremo severi quando necessario nel denunciare i disastri di questa amministrazione e nel dire alla sindaca che non usasse le risorse del Campidoglio per finanziare la sua comunicazione e la sua campagna elettorale. Questo non può proprio avvenire", rimarca Gualtieri. "L’unico voto utile è quello al partito Democratico e per cambiare il sindaco della Capitale e lo spiegheremo a tutti i romani".

E ancora: "Dopo aver regalato le Olimpiadi a Parigi la Raggi ora parla dell’Expo 2030. Se questa strada sarà percorribile noi la percorreremo. Ma ci interessano i problemi attuali. Vogliamo sapere se l’amministrazione condivide il salvataggio delle tranvie che rischiano di perdere i soldi del recovery. Abbiamo proposto un Commissario per il Giubileo perché rischiamo di non avere i collegamenti giusti se non si accorceranno i tempi. Vogliamo sapere dalla Raggi come si sta preparando per i bandi del Recovery, ci sono risorse che abbiamo perso. Adesso basta sperperarle, siamo anche disposti a dare una mano ora a questa amministrazione".

E sullo stadio della Roma: "L’intera vicenda è un altro drammatico fallimento di questa giunta. Esamineremo il dossier con grande cura e attenzione. L’unica risposta concreta in periferia l’ha data la Regione Lazio con un lavoro straordinario con piani di zona e opere, facendo lavoro di supplenza al Comune. In generale vedo un Pd unito e compatto".

"Agli elettori di Calenda -ha proseguito Gualtieri- diciamo una cosa molto semplice, se vogliono evitare il rischio che al ballottaggio ci vada la Raggi devono votare per il Pd e per me. Siamo fiduciosi che i romani lo capiranno. Al ballottaggio chiederemo dunque anche agli elettori di Calenda di sostenerci. Pensiamo che la vera sfida sia contro la destra. I nomi che girano a destra? Sto aspettando di conoscere il candidato o la candidata. Notiamo una certa difficoltà della destra a proporre nomi nuovi perché pesa per loro il drammatico fallimento di Alemanno".