Sindaco Solarolo: "Davanti a tv tutta la notte, orgogliosi di concittadina Laura Pausini"

webinfo@adnkronos.com (Web Info)
·2 minuto per la lettura

"Ho gli occhi crepati che sono stato sveglio tutta la notte". Stefano Briccolani, sindaco di Solarolo, scherza così con l'Adnkronos commentando la notte trascorsa davanti alla televisione per la concittadina Laura Pausini, candidata all'Oscar per la miglior canzone originale con "Io sì (Seen)". "Ho resistito fino alle 4,30 - dice - anche perché oggi saremmo stati al centro dell'attenzione in caso di vittoria e volevo essere pronto. In realtà mi ero preparato per bene, avevo messo in registrazione riproponendomi di svegliarmi presto questa mattina per guardare. Invece niente, l'adrenalina non mi ha fatto dormire e sono andato dritto. Ho spento dopo la mancata assegnazione, ma ormai avevo perso il sonno".

Niente delusione, però. "Si è chiusa male, ma questo passaggio attraverso il mondo del cinema è stato comunque un evento importante. Siamo e saremo sempre orgogliosi della nostra Laura - dice - che qui torna spesso e non di rado scherza con la sua amica fornaia, mettendosi dietro al bancone. E' rimasta una romagnola verace, la stessa che conosciamo noi e la sua candidatura all'Oscar è un vanto non solo per Solarolo, ma anche per l'Italia tutta. Il nostro è un piccolo paese, avere una concittadina tanto illustre è per noi anche leggermente destabilizzante, ci pone all'attenzione oltre alla normale vita quotidiana".

"Nei prossimi giorni spero di riuscire a far due chiacchiere con Laura - anticipa - le voglio fare i miei complimenti a prescindere, ma soprattutto dirle che lei è e resta il nostro grande orgoglio, certamente nemmeno intaccato dall'esito della votazione. A mio avviso questo per lei resta un anno straordinario e voglio condividere l'affetto del paese verso quella che per noi non è solo una persona famosa ma anche e soprattutto un esempio positivo di professionalità e di rappresentanza di tutto un territorio che ci teniamo stretta e speriamo prima o poi di poter abbracciare in senso pieno". (di Silvia Mancinelli)