Sindrome di Down, Roma aiuterà l’Etiopia

Red
·3 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Roma, 21 mar. (askanews) - In occasione della Giornata Mondiale della Sindrome di Down al via "Ethiopia meets Italy - Love Disability. Il loro posto giusto nel mondo". Organizzato da La Stella Di Daniele Onlus per aiutare un paese, come l'Etiopia, ad abbattere le barriere sulla Sindrome di Down, "Ethiopia meets Italy - Love Disability"- patrocinato dall'Assessorato alla Persona, Scuola e Comunità Solidale del Comune di Roma - è nato per sostenere la Deborah Foundation ad Addis Abeba, primo e unico centro etiope realizzato per aiutare bambini e ragazzi Down. La Fondazione ha bisogno di una guida nella formazione del personale che lavora nel centro; ha necessità di sostenere le famiglie dei ragazzi con disabilità per costruire un mondo e futuro migliore.

"Siamo orgogliosi che altri Paesi guardino a Roma come un modello da seguire, che si instauri una collaborazione che è occasione di crescita e di progettualità, con lo sguardo sempre ampio, sulle molteplici dimensioni legate alla sindrome di Down, capace di estendersi anche nel lungo termine, come quello dei genitori, che sosteniamo con il "dopo di noi" e al contempo di agire restando focalizzato sul presente, sull'oggi - ha affermato Veronica Mammì, Assessora alla Persona, Scuola e Comunità Solidale del Comune di Roma che ha salutato l'avvio di Love Disability intervenendo oggi in diretta nel corso del webinar di presentazione del progetto di solidarietà - Il primo impegno è la sensibilizzazione, la corretta informazione e formazione continua delle professionalità coinvolte, l'inclusione vera, vale a dire il cambiamento culturale che si traduce in opportunità reali, concrete, nell'accettare l'indipendenza che ciascuno raggiunge, nel tutelare la libertà di scelta dell'altro, portatore di diritti e pari dignità".

L'obiettivo de La Stella di Daniele Onlus, che con la sua Presidente Laura Rossi da anni sostiene progetti charity (primo fra tutti il Non Calendario che ritraeva volti noti accanto a ragazzi Down), è stato quello di mettere a disposizione le grandi competenze ed esperienze delle realtà associative, sanitarie e istituzionali italiane, per dar forza a Paesi meno preparati ad affrontare le disabilità.

Sono stati avviati contatti tra la Fondazione Etiope, DEBORAH FOUNDATION Onlus e l'AIDP, Associazione Italiana Persone Down, EDSA, European Down Syndrome Association, l'Associazione Agorà, l'Albergo Etico, l'Ospedale Pediatrico Bambino Gesù, il Policlinico Agostino Gemelli, realtà significative in Italia che da anni si dedicano alle persone con la Sindrome di Down. Il Team della Deborah Foundation e il Team Italiano lavoreranno insieme sulla formazione: per la primissima infanzia e il primo anno di vita con una guida per le famiglie per la presa in carico del piccolo, per l'inclusione a scuola, per il lavoro, l'autonomia, per tutti i bisogni delle persone Down di varie età.

In Etiopia i bambini nati con la Sindrome di Down non possono contare sull'aiuto di una terapia, su insegnanti preparati rispetto a questa disabilità, non ci sono medici e centri medici dedicati. Le famiglie più fortunate cercano all'estero aiuto per i propri figli. Chi non ha mezzi rimane solo. Il Presidente della Deborah Foundation, Hon Ato Abadula Gemeda, ha creato il primo e unico centro per ragazzi disabili ad Addis Abeba proprio perché spinto dalla sua esperienza personale: sua figlia Deborah è nata con la Sindrome di Down. Questo lo ha portato a riflettere sulla necessità che l'Etiopia debba crescere nella formazione del personale che assiste i ragazzi Down e nelle opportunità da offrire loro affinché abbiano una socialità, un lavoro, senza essere ancora discriminati.