Sinistra: Scotto, 'campo progressista somma macerie, serve ricostruzione profonda'

·1 minuto per la lettura
Sinistra: Scotto, 'campo progressista somma macerie, serve ricostruzione profonda'
Sinistra: Scotto, 'campo progressista somma macerie, serve ricostruzione profonda'

Roma, 12 mar. (Adnkronos) – "Il campo progressista oggi è una somma di macerie" e "dunque, più che mai torna la parola d’ordine di una ricostruzione profonda delle casematte nel quale ciascuno è accampato. Nessuno è autosufficiente". Lo scrive su HuffPost il coordinatore di Articolo Uno.

"L’uscita di Nicola Zingaretti rappresenta un problema per tutto il campo, un arretramento simbolico che fa il paio con la sconfitta del governo Conte. Guai a sottovalutarlo come se fosse un passaggio di testimone ordinario. Quel 'mi vergogno' resterà a lungo nella testa delle persone. (…) quella coalizione Pd Cinque Stelle e Leu era ed è un tentativo di uscire dalla fotografia di un blocco sociale invecchiato, prevalentemente legato a pensionati, a pubblico impiego, borghesia delle professioni e alla parte più tutelata del paese".

"Anche noi non possiamo attraversare questo passaggio pensando a forme di testimonianza o a soluzioni settarie. Se la pandemia cambia tutto, occorre uscire dalle gabbie e dagli orticelli e mettersi in cammino. Non è un caso che abbiamo insistito – e insistiamo tuttora – per la costruzione di un fatto politico nuovo a sinistra, che non significa unità di quello che già c’è ovvero la ricomposizione degli spezzoni delle varie scissioni (…) La pandemia ci restituisce la volontà prevalente del popolo italiano di sentirsi parte di un destino collettivo. E dunque ci regala un terreno da arare, una condizione inedita in cui investire con coraggio e determinazione. Basta saper ascoltare e decidere di andare laddove si muovono le cose del futuro".