Sinistro in autostrada: 5 operai deceduti sul colpo

·2 minuto per la lettura
Incidente a21 operai morti
Incidente a21 operai morti

Sono cinque operai le vittime del drammatico incidente che ha avuto luogo nel pomeriggio di giovedì 3 giugno 2021 tra la A1 e la A21 in direzione Cremona-Brescia. Il furgone su cui viaggiavano si è scontrato con un camion in maniera così violenta da finire distrutto.

Incidente sulla A21: morti cinque operai

Secondo le prime ricostruzioni si tratta di cinque colleghi dipendenti della Mapen, un’azienda del settore edile con sede a Cortefranca. Quattro erano residenti in provincia di Brescia e uno in quella di Bergamo. Impegnati in un cantiere nel parmense, stavano tornando a casa dopo una giornata di lavoro quando all’improvviso, per cause ancora da accertare, il Fiat Doblò a bordo del quale viaggiavano si è scontrato violentemente con un camion che trasportava paglia. Il mezzo è finito sotto il rimorchio, ridotto a un groviglio di lamiere, con un impatto talmente violento da far morire tutti e cinque gli operai sul colpo.

Inutili infatti i soccorsi dei sanitari 118, prontamente giunti sul posto: le ferite si sono rivelate troppo gravi da risultare fatali e rendere vano ogni tentativo di rianimazione. Stando a quanto riportato da media locali e riferito dai soccorritori, il loro furgone sarebbe stato sventrato durante lo schianto.

Incidente sulla A21, morti cinque operai: chi sono

Tra le vittime ci sarebbero il 67enne Bruno Bracchi, il 55enne Maurizio Signoroni – entrambi originari di Adro – e il 40enne Simone Abeni di Cortefranca. Gli altri due operai avrebbero avuto 40 e 51 anni e sarebbero stati residenti a Castrezzato e a Covo.

Incidente sulla A21, morti cinque operai: indagini in corso

Presenti sul luogo dell’incidente anche le forze dell’ordine chehanno isolato l’area per effettuare i rilievi del caso e ricostruire l’esatta dinamica dell’accaduto. Hanno dunque chiuso il tratto stradale al traffico per ore, quasi fino a tarda sera, anche per permettere le operazioni messa in sicurezza. Nessun altro è rimasto ferito e nessun altro mezzo è stato coinvolto nel sinistro.

Da accertare le cause che hanno portato al tragico scontro: le ipotesi sono una distrazione, un malore o un colpo di sonno. Queste ultime due tesi troverebbero conferma nelle parole di alcuni testimoni che avrebbero raccontato che il furgone non abbia nemmeno frenato e nel fatto che sull’asfalto non sono stati rilevati segni di frenata.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli