Sinodo: aiutare giovani perché impegno per ambiente non sia una moda

Gtu

Roma, 7 ott. (askanews) - Greta Thunberg e il protagonismo dei giovani sono tra i temi che i vescovi hanno affrontato oggi nel Sinodo sull'Amazzonia. In continuità con il Sinodo sui giovani del 2018 - spiega Vatican News in una sintesi sui lavori - si è riflettuto "sull'importanza del protagonismo giovanile nell'ecologia integrale, con l'esempio della giovane attivista svedese Greta Thunberg e dell'iniziativa 'Lo sciopero per il clima'". E la "opzione per i giovani", "la necessità di dialogare con loro sui temi della salvaguardia del Creato sono state richiamate più volte, insieme alla necessità di valorizzare l'impegno sociale dei ragazzi, capaci di spronare la Chiesa ad essere profetica in questo ambito". "Il cuore giovane - si è detto - vuole costruire un mondo migliore, perché la generazione dei giovani rappresenta una Dottrina sociale in movimento". Infatti, "più di tanti altri, i ragazzi oggi avvertono l'esigenza di stabilire una nuova relazione con il Creato, una relazione che non sia di tipo predatorio, ma che sia attenta alle sofferenze del pianeta". Per questo, "il tema ambientale - a carattere anche ecumenico ed interreligioso - va colto dalla Chiesa come una sfida in positivo, come un'esortazione a dialogare con i giovani, aiutandoli nel giusto discernimento affinché il loro impegno per la salvaguardia del Creato non sia solo uno slogan 'verde e alla moda', ma diventi davvero una questione di vita o di morte, per l'uomo e per il pianeta".