Sinodo sull'Amazzonia, dati e cifre dell'assemblea

Ska

Città del Vaticano, 4 ott. (askanews) - A cinquecento anni dalle feroci dispute in terra di missione, saranno un gesuita e un francescano, un argentino e un brasiliano, seduti sornioni l'uno accanto all'altro, a guidare il Sinodo dei vescovi "Amazzonia: nuovi cammini per la Chiesa e per un'ecologia integrale", che si terrà dal 6 al 27 di questo mese in Vaticano. Papa Francesco (82 anni) e il cardinale Claudio Hummes (85 anni) sono infatti, rispettivamente, presidente e relatore generale dell'assemblea speciale che si apre domenica. Questi i dati e le cifre dell'evento.

L'Amazzonia ha un'estensione di 7,8 milioni di kmq, all'incirca la stessa dimensione dell'Australia. Si estende su nove paesi: Brasile, Bolivia, Perù, Ecuador, Colombia, Venezuela, Guyana, Suriname e Guyana Francese. Conta circa 33 milioni di abitanti, 3 milioni dei quali sono indigeni appartenenti a 390 gruppi o popoli diversi. E' una delle più grandi riserve di biodiversità del pianeta, contiene il 20% di acqua dolce non congelata di tutto il pianeta.

I Padri Sinodali sono 184 e 113 provengono dalle diverse Circoscrizioni Ecclesiastiche Panamazzoniche: 3 provengono dalle Antille, 6 dal Venezuela, 13 dalla Colombia, 7 dall'Ecuador, 57 dal Brasile, 11 dalla Bolivia, 10 dal Perù. I Padri Sinodali ex officio appartengono a 7 Conferenze Episcopali: Antille, Venezuela, Colombia, Ecuador, Brasile, Bolivia, Perù. I Capi dei Dicasteri della Curia Romana sono 13. Nel numero complessivo rientrano anche i Membri del Consiglio pre-sinodale, 15 religiosi eletti dall'Unione dei Superiori Generali e 33 Membri di nomina pontificia.

Tra i Padri Sinodali figurano 28 Cardinali, 29 Arcivescovi, 62 Vescovi residenziali, 7 Ausiliari, 27 Vicari Apostolici e 10 Vescovi Prelati, 21 Membri non Vescovi, tra diocesani e religiosi.

Partecipano al Sinodo sei delegati Fraterni, in rappresentanza di altre Chiese e Comunità ecclesiali presenti nel territorio amazzonico, 12 Invitati Speciali, tra i quali l'ex segretario generale dell'Onu Ban Ki-moon, 25 Esperti, designati a motivo di competenze specifiche in vari campi. Gli uditori e le uditrici sono 55.

Il numero totale delle donne che partecipano ai lavori sinodali, senza diritto di voto, è di 35: 2 sono Invitate Speciali, 4 Esperte (di cui 2 sono Suore) e 29 Uditrici (18 sono suore).

Da ultimo si è aggiunto al Sinodo il vescovo maltese Mario Grech, nominato questa settimana dal Papa pro-segretario generale del Sinodo dei Vescovi, che succederà, dopo l'assemblea, all'attuale segretario generale, il cardinale Lorenzo Baldisseri, giunto in età di pensionamento.

Il presidente dell'assemblea è il Papa. I presidenti delegati sono i cardinali Baltazar Enrique Porras Cardozo (Venezuela), Pedro Ricardo Barreto Jimeno, (Perù) e Joao Braz de Aviz (brasiliano). Segretari speciali sono il cardinale designato Michael Czerny, gesuita, e mons. David Martinez de Aguirre Guinea, domenicano. Relatore generale, il Cláudio Hummes, Arcivescovo emerito di San Paulo del Brasile, presidente della Rete Ecclesiale Panamazzonica (Repam). Seduto accanto a Jorge Mario Bergoglio al Conclave del 2013, fu lui a suggerire all'arcivescovo di Buenos Aires, al momento dell'elezione, di non dimenticare i poveri: il nuovo Papa scelse, allora, il nome di Francesco, il santo del Cantico della natura.