“Sintomi lievi per il presidente Trump”: Wall Street in negativo, ma senza crolli

Antonio Cardarelli
·2 minuto per la lettura
“Sintomi lievi per il presidente Trump”: Wall Street in negativo, ma senza crolli
“Sintomi lievi per il presidente Trump”: Wall Street in negativo, ma senza crolli

I media americani parlano di sintomatologia simile al raffreddore per il presidente, negativo il test sul vice Mike Pence. In Borsa i listini aprono in rosso, ma senza perdite troppo pesanti

La positività di Donald Trump al Covid-19 è ovviamente il tema del momento, negli Usa ma anche nel resto del mondo. Proprio dalla stampa americana arrivano aggiornamenti importanti sulle condizioni del presidente. Il New York Times parla di “sintomi lievi” per Trump, per il momento simili a un raffreddore.

VIRUS NEGLI USA

Il candidato repubblicano alle presidenziali di novembre non sta accusando particolari sintomi anche secondo quanto riporta il notiziario NBC, che cita fonti vicine alla Casa Bianca. Tuttavia, l’attenzione per le condizioni del presidente Usa resta alta poiché Trump – per età e condizioni fisiche – rientra tra le categorie considerate a rischio. Gli Usa, va ricordato, guidano la classifica mondiale per contagi con 7 milioni e 200mila casi.

WALL STREET

A svelare la propria positività, e quella della moglie Melania, è stato lo stesso Trump via Twitter. Ma nella prima seduta dopo la rivelazione della positività del presidente, a Wall Street non sono stati registrati crolli, come forse era lecito attendersi. In apertura di seduta, infatti, i tre indici principali sono partiti con perdite inferiori all’1%. Nel dettaglio, il Dow Jones viaggia intorno a -0,5%, l’S&P 500 -0,6% e il Nasdaq a -0,7%.

PENCE NEGATIVO

Nel frattempo dagli Usa arriva la notizia che il vicepresidente Mike Pence e sua moglie sono risultati negativi al coronavirus. Inoltre, dalla Casa Bianca fanno sapere che il presidente Trump sta continuando a lavorare senza interruzioni mentre prosegue il recupero dal coronavirus. Da capire, ovviamente, sarà l'impatto della positività di Trump per le elezioni. Durante il ricovero, il premier britannico Johnson ha incrementato il gradimento tra gli elettori.