A Siracusa riparte il ciclo del teatro classico con 'Coefore-Eumenidi' e 'Baccanti'

·3 minuto per la lettura

A Siracusa è tutto pronto per il debutto della 56° stagione dell'Inda, l'istituto nazionale del dramma antico, che segna la ripartenza delle rappresentazioni classiche al Teatro Greco, con il debutto il 3 e il 4 luglio di 'Coefore-Eumenidi' di Eschilo e di 'Baccanti' di Euripide , precedute dall'inaugurazione il primo giorno del mese della mostra multimediale 'Orestea' al Palazzo Greco sulla ripresa degli spettacoli classici dopo la Grande Guerra e l’epidemia di spagnola, che resterà aperta al pubblico fino al 30 settembre del 2022, per poi girare in altre città italiane e all'estero.

La Fondazione Inda attraverso questa mostra, realizzata a partire dalla raccolta di fotografie inedite di Angelo Maltese e grazie a documenti d’archivio e alle nuove tecnologie audiovisive, ritorna sull’impresa storica di quel gruppo di mecenati illuminati che, riuniti intorno ai fratelli Gargallo di Castel Lentini, investirono in proprio per realizzare la rinascita del Teatro Greco.

L’allestimento della mostra, curato da Carmelo Iocolano con la supervisione di Davide Livermore, include uno 'Spazio del Tempo' che consentirà allo spettatore di immergersi nell’atmosfera del Teatro Greco di cent’anni fa, grazie a un video realizzato da Alain Parroni che attraverso la realtà aumentate mette in movimento le immagini di Angelo Maltese. La mostra, a cura di Marina Valensise, consigliere delegato della Fondazione Inda, con la supervisione di Davide Livermore, sarà aperta tutti i giorni dalle 17 alle 21 con catalogo pubblicato da Electa.

Sabato 3 luglio alle ore 20 debutterà al Teatro Greco lo spettacolo 'Coefore-Eumenidi' di Eschilo, per la regia di Davide Livermore, direttore del Teatro Nazionale di Genova che ha coprodotto lo spettacolo. In scena, "un sistema di potere distrutto, dove il fantasma di Agamennone impregna un impianto scenico di manifesta devastazione e spiega come la narrazione della vicenda sarà il più possibile vicina ai nostri tempi perché come artisti abbiamo la responsabilità di dare vita alle parole della tragedia, materia viva e pulsante che racconta le umane fragilità, a volte terribili", si spiega nelle note di regia.

Nel cast, Laura Marinoni (Clitennestra), Giuseppe Sartori (Oreste), Anna Della Rosa (Elettra), Stefano Santospago (Egisto), Giancarlo Judica Cordiglia (Apollo), Olivia Manescalchi (Atena), Maria Grazia Solano (Cilissa e la Pizia), Gaia Aprea, Alice Giroldini, Valentina Virando, Chiara Osella, Graziana Palazzo e Silvia Piccollo (Le Coefore), Maria Laila Fernandez, Marcello Gravina e Turi Moricca (Erinni-Eumenidi).

Domenica 4 luglio andrà in scena la prima di 'Baccanti' di Euripide con la regia di Carlus Padrissa, il regista catalano fondatore della compagnia La Fura dels Baus. L’allestimento non mancherà di riservare grandi sorprese con leve, gru, funi e carrucole che "andranno a comporre un Deus ex machina estetico, mettendo in risalto i corpi che, insieme agli elementi naturali, aiuteranno a percepire un’immagine antica ma moderna". Nel cast, Lucia Lavia (Dioniso), Ivan Graziano (Penteo), Antonello Fassari (Tiresia), Linda Gennari (Agave), Stefano Santospago (Cadmo). Il programma della stagione comprende anche quest’anno le Conversazioni all’Orecchio di Dionigi.

(di Enzo Bonaiuto)

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli