Siragusa: trovare soluzione caso Rete giovani italiani Belgio

Red
·1 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Roma, 17 mar. (askanews) - "Trovo insoddisfacente la risposta ricevuta dal ministero agli affari esteri, da me interrogato sul caso Regib (Rete dei giovani italiani in Belgio). I Comites dovrebbero tutelare gli interessi degli italiani all'estero, ma se alcuni nostri connazionali si sentono truffati dal proprio Comitato, allora è evidente che qualcosa è andato storto. Alla politica spetta il compito di fare delle scelte, non di essere mera osservatrice degli eventi. Quanto verificatosi a Bruxelles non deve più accadere". È quanto afferma in una nota la deputata del gruppo di Misto, Elisa Siragusa, eletta nella circoscrizione Estero.

"Regib - aggiunge - è un'associazione di giovani italiani residenti in Belgio, che annovera lo stesso Comites di Bruxelles tra i suoi fondatori. Lo scorso anno l'associazione aveva presentato al Comitato belga due progetti, entrambi approvati, per i quali la Farnesina aveva poi stanziato la somma richiesta per la loro implementazione, partita poco dopo. La realizzazione di una delle proposte - un portale per gli italiani in Belgio - aveva quindi comportato il coinvolgimento di professionisti, i quali sono stati pagati per il lavoro svolto: peccato tale spesa sia ricaduta interamente sui ragazzi della Regib. I fondi promessi, infatti, già stanziati dal ministero, non sono mai stati erogati dal Comites".

"Il ministero si è reso disponibile ad un ulteriore incontro con Regib e Comitato per trovare una soluzione. Mi auguro questa venga trovata e che situazioni simili non si ripetano in futuro", conclude.