Sirhan Sirhan costituisce ancora un pericolo per la società, non può essere scarcerato

·4 minuto per la lettura

AGI - Sirhan Sirhan, l'uomo che nel 1968 uccise il candidato democratico alle presidenziali Usa Robert F. Kennedy, costituisce ancora un pericolo per la società. Lo afferma il governatore della California, Gavin Newsom, in un intervento sul Los Angeles Times nel quale spiega la sua decisione di negare la libertà provvisoria all'oggi settantasettenne palestinese che, afferma Newsom, "decenni dopo, si rifiuta di accettare la responsabilità per i suoi crimini".

"L'assassinio di Kennedy non ha solo cambiato il corso di questa nazione e rubato al mondo un promettente giovane leader, ha anche lasciato i suoi 11 bambini senza un padre e sua moglie senza un marito", scrive il governatore della California, "la famiglia di Kennedy sopporta questa perdita ogni giorno. Milioni di americani persero un unificatore in un momento di tumulto e dolore nazionali, appena nove settimane dopo l'assassinio del reverendo Martin Luther King Jr. e quattro anni e mezzo dopo l'assassinio del fratello di Kennedy, il presidente John F. Kennedy".

More on my decision on the parole of Sirhan Sirhan. https://t.co/W4zCngpa3U

— Gavin Newsom (@GavinNewsom) January 13, 2022

"Eppure, dopo decenni in prigione, a Sirhan manca ancora la consapevolezza che gli avrebbe impedito di prendere il tipo di decisioni pericolose e distruttive che aveva preso in passato", scrive ancora Newsom, "la prova più lampante della scarsa consapevolezza di Sirhan è la sua narrazione mutevole sul suo omicidio di Kennedy e il suo attuale rifiuto di assumersene la responsabilità".

"Le prove che Sirhan ha assassinato Kennedy sono schiaccianti e inconfutabili. Prima dell'assassinio, Sirhan registrò i suoi piani per uccidere Kennedy, scrivendo: "RFK deve morire. RFK deve essere ucciso. Robert F. Kennedy deve essere assassinato", ricorda Newsom, "al momento dell'assassinio, Sirhan ha accettato la responsabilità esclusiva. In un'intervista televisiva, Sirhan ha confermato di aver assassinato Kennedy e di aver agito da solo. Incredibilmente, negli anni '90, Sirhan iniziò a schivare le responsabilità. Ha affermato di non poter ricordare il crimine, quindi ha dichiarato di essere innocente. Nel 2016, Sirhan ha affermato di ritenere di non aver ucciso Kennedy sulla base di ciò che aveva letto nelle memorie legali del suo avvocato. Recentemente, l'anno scorso, Sirhan si è ritratto come la vittima, sostenendo che "era nel posto sbagliato al momento sbagliato".

 del tutto chiaro che, a causa della mancanza di consapevolezza di Sirhan, il suo rilascio sulla parola rappresenterebbe una minaccia per la sicurezza pubblica. Sirhan ora ha 77 anni, ma rimane un potente simbolo di violenza politica", osserva Newsom, "in passato, i terroristi prendevano ostaggi - e alla fine ne uccidevano alcuni - in nome di Sirhan. Nonostante in passato abbia incitato alla violenza, di recente Sirhan ha respinto ridendo l'attuale rilevanza del suo status di parafulmine ideologico. Non capisce, tanto meno ha le capacità per gestire, i complessi rischi della sua notorietà auto-creata".

"Non può essere rilasciato in sicurezza dal carcere perché non ha mitigato il rischio di fomentare ulteriori violenze politiche", continua il governatore della California, "nel corso degli anni, Sirhan e i suoi sostenitori hanno sfornato false affermazioni sull'assassinio di Kennedy. Ogni affermazione sull'innocenza di Sirhan è stata indagata e smentita. Queste falsità alimentano la negazione di responsabilità di Sirhan. La loro ripetizione perpetra anche un ulteriore e continuo danno, mantenendo aperta e non rimarginata la ferita che l'assassinio ha inflitto alla famiglia Kennedy e alla popolazione americana".

"Forse è più facile per alcuni accettare false affermazioni confutate che affrontare la difficile verità: Sirhan, un uomo con una pistola, agendo da solo, ha inflitto gravi danni al nostro Paese", afferma Newsom, "non mi tirerò indietro da questa verità. I casi di libertà vigilata che esamino ogni settimana rivelano la profondità della violenza umana e la sua distruzione. Ma questi casi mi danno anche speranza. Mostrano la resilienza delle vittime del crimine e dei sopravvissuti, così come la trasformazione delle persone incarcerate che scelgono di fare il difficile lavoro per riparare al danno che hanno causato. Rappresentano ciò che Robert F. Kennedy ha incoraggiato tutti noi a fare quando disse: 'Sicuramente possiamo iniziare a lavorare un po' più duramente per fasciare le ferite tra noi e per diventare di nuovo fratelli e connazionali nel nostro cuore'". "Sirhan ha molto lavoro da fare", conclude Newsom, "lo incoraggio a iniziare prendendo a cuore le parole di Kennedy". 

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli