Siria, 7 civili uccisi nel nordovest in raid russi e lanci razzi

Fco

Roma, 6 ago. (askanews) - Sette civili sono stati uccisi nei raid russi e nei lanci di razzi compiuti dai gruppi jihadisti e ribelli nella parte nordoccidentale della Siria, dove ieri Damasco ha interrotto la tregua. Lo ha annunciato un'organizzazione non governativa.

Dopo meno di quattro giorni di tregua, il regime siriano, sostenuto da Mosca, ha ripreso ieri i suoi attacchi contro la regione di Idlib controllata dal gruppo jihadista Hayat Tahrir al Sham (Hts, ex ramo siriano di al Qaida) e che ospita alcuni gruppi ribelli. Questa regione, composta dalla maggior parte della provincia di Idleb e dalle aree delle province limitrofe di Aleppo, Hama e Latakia, è al di fuori del controllo del regime di Bashar al Assad, otto anni dopo l'inizio della guerra in Siria.(Segue)