Siria, Acli: guerra mai giusta. Ue e Nato intervengano

Red/Lsa

Roma, 12 ott. (askanews) - "L'azione militare della Turchia che sta bombardando il nord della Siria dove attualmente ci sono delle postazioni curde e anche dei villaggi cristiani, deve essere fermata. Purtroppo si sta già facendo la conta dei morti e dei feriti, per questo chiediamo all'Ue e alla Nato di intervenire tempestivamente affinché il conflitto al confine siriano-turco non si trasformi nell'ennesima tragedia umanitaria". Lo affermano in una nota le Acli (Associazioni Cattoliche Lavoratori Italiani). "È inaccettabile il ricatto del presidente Erdogan che minaccia di inviare milioni di profughi nelle città europee, come se si trattasse di merce di scambio, profughi che - conclude la nota - la Turchia ospita con un consistente aiuto economico dell'Europa pari a 6 miliardi di euro".