Siria, Amman protesta dopo lancio razzi in territorio giordano

Amman (Giordania), 20 ago. (LaPresse/AP) - Il governo giordano ha convocato l'ambasciatore siriano ad Amman dopo che quattro razzi sparati dal territorio della Siria sono caduti ieri alla periferia di Turra, in Giordania, ferendo lievemente una bambina di quattro anni. Il ministro per l'Informazione giordano, Sameeh Maaytah, ha riferito che l'ambasciatore ha ricevuto una lettera di protesta e ora Amman attende una risposta formale da Damasco. I razzi sono stati sparati durante combattimenti tra truppe governative e ribelli. Secondo fonti del governo di Amman, sarebbero stati lanciati contro i villaggi siriani vicino alla città di Daraa, ma avrebbero mancato gli obiettivi. La Giordania, ha detto Maaytah, protesta contro l'accaduto e "garantirà che non succeda di nuovo". Oltre alla bambina, quattro civili giordani sono stati ricoverati per attacchi di panico dopo la caduta dei razzi. Il mese scorso i soldati siriani avevano ucciso un bambino di 6 anni che stava fuggendo in Giordania.

Ricerca

Le notizie del giorno